Skip to content

Reti internazionali e cooperazione tra città: logiche e problematiche del networking attivo nella definizione di politiche e progetti urbani

Gratis L'indice di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
I SOMMARIO INTRODUZIONE........................................................................................................... 1 PARTE I CAPITOLO 1 - I TEMI TRATTATI 1.1 – Le reti ...................................................................................................................... 6 Oggetto o strumento di studio?.................................................................................................. 6 Uso descrittivo, uso normativo e retoriche del termine “rete” ................................................ 7 1.1.1–La social network analysis...................................................................................... 8 1.1.2–Network Economy ed economia per le reti ........................................................... 11 Economia dei costi di transazione: i vantaggi delle reti rispetto a gerarchia e mercato ........ 11 Esternalità di rete e beni di club.............................................................................................. 12 L’investimento nella rete: risorse e rischi ............................................................................... 13 1.1.3–Approcci geografici allo studio delle reti ............................................................. 13 Reti materiali e immateriali, città-nodo di reti, città-area strutturata in rete ......................... 13 Reti locali e sovra-locali nelle dinamiche di sviluppo ............................................................. 14 1.2 – Le reti di città ....................................................................................................... 16 1.2.1–Reti urbane e reti di città tra geografia ed economia ............................................ 16 1.2.2–Il networking attivo per la cooperazione tematica e istituzionale......................... 17 1.2.3–Le reti nella cooperazione allo sviluppo............................................................... 19 Cooperazione non governativa e movimenti sociali ................................................................ 19 Cooperazione decentrata: tra partenariati e reti..................................................................... 21 1.3 - La governance urbana ......................................................................................... 23 1.3.1-Le città “attori di sviluppo” ................................................................................... 23 1.3.2–Dal government alla governance .......................................................................... 24 Forme innovative di coordinamento istituzionale.................................................................... 25 Forme innovative di amministrazione locale........................................................................... 26 1.3.3–L’approccio integrato e l’approccio partecipato allo sviluppo urbano ................. 26 Le pratiche partecipative ......................................................................................................... 27 CAPITOLO 2 – IL PERCORSO DI RICERCA 2.1 – Temi, obiettivi, ipotesi ......................................................................................... 30 2.1.1–Il contesto tematico di riferimento........................................................................ 30 2.1.2–PerchØ studiare le reti di città a carattere tematico e progettuale?........................ 31 2.1.3–Le ipotesi di partenza............................................................................................ 32 Il livello di rete......................................................................................................................... 32 Il livello locale ......................................................................................................................... 33 2.2 - Metodologia........................................................................................................... 34 2.2.1–Approfondimento teorico e metodo di indagine ................................................... 34 Il quadro teorico di riferimento ............................................................................................... 34 Analisi dei casi studio tramite questionari e interviste ............................................................ 34 Analisi qualitativa ed elaborazione dei risultati...................................................................... 35 2.2.2–La prospettiva geografica...................................................................................... 36 Le interazioni tra luoghi .......................................................................................................... 36 Le interazioni tra scale ............................................................................................................ 37 La riconfigurazione delle scale, i territori e i luoghi nello studio delle reti ............................ 38 II PARTE II CAPITOLO 1 – I CASI STUDIATI 1.1 – I contesti: Unione Europea e cooperazione decentrata. .................................. 40 1.1.1-La cooperazione interna europea........................................................................... 40 La dimensione spaziale delle politiche comunitarie ................................................................ 40 Le reti di città nei programmi e nelle iniziative comunitarie................................................... 41 1.1.2–La cooperazione decentrata allo sviluppo............................................................. 42 Il problema del coordinamento nazionale e internazionale..................................................... 43 1.2 - Building Healthy Communities........................................................................... 45 1.3 - EuroGaza............................................................................................................... 47 1.4 – 100 Città per 100 Progetti Italia-Brasile............................................................ 49 CAPITOLO 2 – IL LIVELLO DI RETE ................................................................... 54 2.1 – Interpretazione delle reti di città come modalità di governance urbana e internazionale................................................................................................................ 54 2.1.1–La governance: interazione di attori e settori nella definizione delle politiche.... 54 Le caratteristiche della governance......................................................................................... 55 PerchØ considerare le reti di città come modalità di governance ........................................... 55 Le reti: governance urbana e internazionale........................................................................... 57 2.1.2–La governance locale o urbana ............................................................................. 58 2.1.3–“Good governance”: la gestione efficace delle organizzazioni e dei processi decisionali ....................................................................................................................... 59 I principi della good governance, tra descrizione e valutazione ............................................. 59 2.1.4–Limiti e problematiche della governance.............................................................. 61 2.2 – Griglia di analisi................................................................................................... 62 2.2.1–Governance urbana, networking internazionale e cooperazione decentrata: logiche e criteri descrittivi comuni .............................................................................................. 62 2.2.2–Costruzione, significato e impiego della griglia ................................................... 63 2.3 – Applicazione ai casi studio .................................................................................. 69 2.3.1–BHC ...................................................................................................................... 69 2.3.2–EuroGaza .............................................................................................................. 74 2.3.3-100 Città per 100 Progetti...................................................................................... 77 CAPITOLO 3 - LE RETI:PROBLEMATICHE E STRATEGIE DELLA COMPLESSITA’ 3.1 – I temi salienti ........................................................................................................ 81 3.1.1-Dalla struttura delle reti alla loro efficacia: sono possibili criteri universali?....... 81 Il peso della componente progettuale ...................................................................................... 81 Struttura e gestione della rete.................................................................................................. 82 3.1.2–Costi e benefici delle reti. ..................................................................................... 85 Scambio di buone pratiche e progetti: efficienza, sinergia, o complementarietà?............... 85 Le risorse generate dalla rete: i problemi dei beni di club...................................................... 86 3.1.3–Funzioni delle reti e significati della partecipazione: le metafore ........................ 87 EuroGaza: da rete infrastrutturale a rete di sostegno............................................................. 88 100 Città: una rete neurale e alcune reti da pesca.................................................................. 89 BHC: una rete di irrigazione ................................................................................................... 89 3.1.4–Reti di città o reti di individui? La personalizzazione delle reti e il sostegno politico ............................................................................................................................ 91 III Il ruolo dei politici, tra capacità di motivare e cambiamenti di amministrazione................... 91 I tecnici: responsabilità, libertà d’azione e motivazione individuale ...................................... 91 I casi studio: sostegno politico, coinvolgimento individuale, coerenza dell’azione locale...... 92 3.2 - Riduzione, potenziamento e incremento della complessità urbana. ................ 94 3.2.1–La “Teoria geografica della Complessità”............................................................ 94 Complessità sistemica e ambientale dell’azione sociale.......................................................... 95 Strategie della complessità ...................................................................................................... 96 Alcuni accenni alla territorializzazione: la strutturazione ...................................................... 97 3.2.2–Le reti di città come strategia di riduzione della complessità............................... 98 La complessità dei problemi urbani e del contesto internazionale.......................................... 98 La rete di città riduce o incrementa la complessità? ............................................................... 99 EuroGaza: massimizzare i legami per semplificare i progetti............................................... 100 100 Città: stabilizzare le relazioni per organizzarle ............................................................. 102 BHC: finalità e relazioni esterne complesse.......................................................................... 104 CAPITOLO 4 – IL LIVELLO LOCALE 4.1 – Dalla governance di rete alla governance territoriale .................................... 107 4.1.1–Gli effetti locali della rete ................................................................................... 107 Il valore aggiunto locale: risorse e capitale territoriale ....................................................... 108 Alcune precisazioni................................................................................................................ 109 4.1.2–La governance territoriale................................................................................... 111 Le dimensioni della governance territoriale.......................................................................... 112 Il capitale territoriale, presupposto ed esito dei processi di governance. ............................. 114 4.2 – Tabella di analisi ................................................................................................ 116 4.2.1–Un modello di analisi per le azioni di governance territoriale............................ 116 4.2.2-La partecipazione alla rete come strumento di governance territoriale: una tabella di analisi........................................................................................................................ 117 Costruzione e utilizzo della tabella........................................................................................ 118 4.3.1–BHC .................................................................................................................... 124 Il contesto strategico delle azioni locali torinesi ................................................................... 124 I risultati locali ...................................................................................................................... 125 4.3.2–EuroGaza ............................................................................................................ 127 I territori nella cooperazione decentrata............................................................................... 127 I risultati di Torino ................................................................................................................ 128 I risultati di Gaza................................................................................................................... 130 4.3.3–100 Città.............................................................................................................. 131 Torino e il Tavolo su infanzia e gioventø............................................................................... 131 I risultati locali ...................................................................................................................... 131 Collegno e il Tavolo sui diritti delle donne............................................................................ 133 4.3.4–Alcuni bilanci e indicazioni operative ricavabili dalle tabelle sui risultati locali134 Corrispondenza con le esigenze e le aspettative della città................................................... 134 Verificare in itinere e in vista di networking futuro............................................................... 137 CAPITOLO 5 – RISULTATI E QUESTIONI APERTE ............................................. 5.1 – Considerazioni metodologiche.......................................................................... 139 5.1.1–Questionari e interviste ....................................................................................... 139 5.1.2-Gli strumenti analitici: la griglia per il livello di rete.......................................... 141 5.1.3-Gli strumenti analitici: la tabella per il livello locale .......................................... 142 5.2 – I risultati della ricerca ....................................................................................... 144 5.2.1–Meccanismi e problematiche da tenere presenti nella definizione di progetti di networking .................................................................................................................... 144 IV 5.2.2–Costi e benefici delle reti in termini di riduzione della complessità................... 146 5.2.3-I risultati nel contesto urbano e i possibili miglioramenti delle città nel lavoro di rete ................................................................................................................................ 148 5.3 – Città e reti sullo scenario globale...................................................................... 150 Scala della rete e tangibilità dei risultati locali..................................................................... 150 “Ambienti fragili” in rete ...................................................................................................... 151 CONCLUSIONI.......................................................................................................... 153 Studiare le reti di città per coglierne potenzialità e limiti ai fini dello sviluppo urbano Strategie di cooperazione e coordinamento tra le città, nuovi attori di sviluppo.................. 154 Massimizzare i benefici delle reti di enti pubblici.................................................................. 155 Le potenzialità dell’interazione tra luoghi e tra scale ........................................................... 155 ALLEGATI ................................................................................................................. 157 BIBLIOGRAFIA ........................................................................................................ 178
Indice della tesi: Reti internazionali e cooperazione tra città: logiche e problematiche del networking attivo nella definizione di politiche e progetti urbani, Pagina 4

Indice dalla tesi:

Reti internazionali e cooperazione tra città: logiche e problematiche del networking attivo nella definizione di politiche e progetti urbani

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Cristina Viano
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze per la cooperazione allo sviluppo
  Relatore: Egidio Dansero
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 188

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi