Skip to content

La liuteria a Palermo; una prima ricognizione sul campo

Gratis L'indice di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
<br><b>Introduzione:</b><br/> <br><b>1. Fonti bibliografiche sulla liuteria a Palermo:</b><br/> 1.0. Premessa<br/> 1.1. Testi reperiti<br/> 1) Biblioteca Centrale della Regione Siciliana<br/> 2) Biblioteca Comunale di Casa Professa<br/> 3) Biblioteca Centrale della Facolt&agrave; di Lettere<br/> 4) Biblioteca etno-antropologica del Servizio Museografico della Facolt&agrave; di Lettere<br/> 5) Biblioteca del Conservatorio Vincenzo Bellini<br/> 6) Biblioteca della Fondazione Teatro Massimo<br/> 7) Biblioteca della ''Societ&agrave; Siciliana per la Storia Patria<br/> 8) Biblioteca del Centro Regionale per l'Inventario, la Catalogazione e la Documentazione<br/> 9) Biblioteca della Sezione Musica del Dipartimento ''Aglaia'' della Facolt&agrave; di Lettere dell'Universit&agrave; di Palermo<br/> 10) Biblioteca del Museo Etnografico Giuseppe Pitr&eacute;<br/> 11) Biblioteca ''Vittorietti'' dell'Istituto Siciliano di Etnostoria<br/> 12) Biblioteca ''Giuseppe Leggio'' dell'Associazione per la Conservazione delle Tradizioni Popolari e del Museo Internazionale delle Marionette<br/> 13) Biblioteca del Centro Regionale per la Progettazione ed il Restauro<br/> 14) Articoli di giornale, depliants e libri sulla liuteria in possesso dei liutai stessi o di privati<br/> <br><b>2. La liuteria a Palermo oggi: la ricerca sul campo</b><br/> 2.1. Censimento dei liutai operanti<br/> 2.2. Schede<br/> 2.2.1. Un questionario<br/> 2.2.2. Gli intervistati<br/> 1) Michele Busard&ograve;<br/> 2) Ignazio Muliello<br/> 3) Gaspare Mascolino<br/> 4) Ciccio Cimino<br/> 5) Mariano Molino<br/> 6) Salvatore Costa<br/> 7) Sebastiano Imbesi<br/> 8) Salvatore Calascibetta<br/> 9) Alessio Pampalone<br/> 10) Antonella Calderone<br/> 11) Leonardo Capuani<br/> 12) Giovanni Garofalo<br/> 13) Fabio Nicotra<br/> 14) Francesco Cassar&agrave;<br/> 15) Domenico Moffa <br/> 16) Franco La Rosa<br/> 2.3. Quattro casi emblematici<br/> 1) Salvatore e Marco Calascibetta<br/> 2) Ignazio Muliello<br/> 3) Fabio Nicotra<br/> 4) Michele Busard&ograve;<br/> <br><b>3. Questioni fondamentali</b><br/> 3.0. Premessa<br/> 3.1. Localizzazione<br/> 3.1.1. Anticamente una zona dei liutai?: alcuni dati per un'indagine...<br/> 3.1.2. Riflessioni sulla disposizione attuale<br/> 3.2. Tipologia<br/> 3.2.1. Artigiani liutai di tradizione familiare<br/> 3.2.2. Liutai autodidatti<br/> 3.2.3. Liutai professionisti<br/> 3.3. Visibilit&agrave;<br/> 3.3.1. Scarsa visibilit&agrave;<br/> 3.3.2. Il ''passaparola''<br/> 3.3.3. Lavoro di mantenimento<br/> 3.3.4. Fondazione ''Gioacchino Arnone'' di Marineo<br/> 3.3.5. Contatti e presenza dei liutai sulla scena nazionale ed internazionale<br/> 1) Michele Busard&ograve;<br/> 2) Francesco Cassar&agrave;<br/> 3) Salvatore Calascibetta<br/> 4) Ciccio Cimino<br/> 5) Salvatore Costa<br/> 6) Antonella Calderone<br/> 7) Leonardo Capuani<br/> 8) Giovanni Garofalo<br/> 9) Sebastiano Imbesi<br/> 10) Franco La Rosa<br/> 11) Domenico Moffa<br/> 12) Gaspare Mascolino<br/> 13) Mariano Molino<br/> 14) Ignazio Muliello<br/> 15) Fabio Nicotra<br/> 16) Alessio Pampalone<br/> 3.4. Rapporto tra artigianato, liuteria e musica<br/> 3.5. Coscienza storica ed identit&agrave; di gruppo<br/> 3.6. Identit&agrave;, carattere ed evoluzione della produzione liutaria<br/> 3.6.1. Relazioni tra domanda ed offerta in ambito liutario<br/> 3.6.2. La bottega di liuteria: luogo di incontro, creativit&agrave;, scambio<br/> 3.6.3. La trasmissione familiare del sapere<br/> <br><b>4. Conclusioni</b><br/> <br><b>Appendici</b><br/> <br><b>1. Le interviste ai liutai</b><br/> 1.1. Sintesi delle interviste<br/> 1) Salvatore e Marco Calascibetta<br/> 2) Salvatore Calascibetta<br/> 3) Ciccio Cimino<br/> 4) Salvatore Costa<br/> 5) Salvatore Costa (seconda intervista)<br/> 6) Giovanni Garofalo<br/> 7) Sebastiano Imbesi<br/> 8) Franco La Rosa<br/> 9) Gaspare Mascolino<br/> 10) Mariano Molino<br/> 11) Ignazio Muliello<br/> 12) Fabio Nicotra<br/> 1.2. Trascrizioni delle interviste registrate<br/> 1) Michele Busard&ograve;<br/> 2) Michele Busard&ograve; (seconda intervista)<br/> 3) Francesco Cassar&agrave; e Domenico Moffa<br/> 4) Alessio Pampalone, Antonella Calderone e Leonardo Capuani<br/> 5) Fabio Nicotra<br/> <br><b>2. Altre interviste</b><br/> 1) Gaetano Basile<br/> 2) Manlio Tolomeo<br/> 3) Salvatore Pilo<br/> 4) Andrea Vaiuso<br/> 5) Dario Lo Cicero<br/> 6) Gaspare Pasciuta<br/> 7) Umberto Bruno<br/> <br><b>3. Documenti</b> <br/> 1) Informazioni sui liutai dei quali ho avuto notizie indirette<br/> 2) Documenti sulla fabbricazione di strumenti in Sicilia nei primi del '900<br/> 3) Approfondimenti sugli Averna e Sgarbi<br/> 4) Giovanni Battista La Scala<br/> 5) Approfondimenti su i Morassi e Valerj Prilipko<br/> 6) Liutai partecipanti alla Mostra Mercato di Liuteria Chitarristica di Palazzolo Acreide<br/> 7) Approfondimenti su Panormo e figli<br/> 8) Documenti sull'attivit&agrave; liutaria a Palermo tra fine '800 ed inizio '900<br/> <br><b>4. Fotografie</b><br/> <br/><b>Bibliografia</b> <br/>
Indice della tesi: La liuteria a Palermo; una prima ricognizione sul campo, Pagina 5

Indice dalla tesi:

La liuteria a Palermo; una prima ricognizione sul campo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Cristoforo Garigliano
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere moderne
  Relatore: Giovanni Giuriati
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 283

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

alfredo averna
artigiani
borgo vecchio di palermo
cantastorie
chitarra e mandolino
conservatorio
ebanisteria
esposizione nazionale di palermo 1891-92
la vucciria di palermo
liuteria
marineo
musica folk
musica tradizionale
orbi
orchestre artigiane
palermo
sapere tradizionale
stradivari
strumenti a corda
strumenti ad arco
teatro massimo
tradizioni popolari
violino
violoncello

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi