Sguardi e oggetti nell'opera di Maurizio Cucchi

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Nicolò Canziani Contatta »

Composta da 59 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 923 click dal 13/05/2005.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo.

Anteprima della Tesi di Nicolò Canziani

Anteprima della tesi: Sguardi e oggetti nell'opera di Maurizio Cucchi, Pagina 1
Mostra/Nascondi contenuto.
1 0 Introduzione La poesia è miracolo non tanto perché conserva l'energia nel tempo, quanto perché rivela quel vuoto di senso,quella frattura, quell'evento imprevedibile e inspiegabile che è la struttura fondamentale dell'esistenza 1 . CESARE VIVIANI Analizzare e scrivere di poesia è sempre un compito arduo, tanto più che, nello scrivere un saggio, si è inevitabilmente costretti a prendere posizione, a fornire un'interpretazione il più possibile convincente e nello stesso tempo rispettosa dell'autonomia dei testi e della sensibilità dell'autore. Ho cercato, pur nell'evidente consapevolezza della parzialità e della contestabilità di ogni intervento critico e nell'ontologica soggettività dell'esegesi, di ovviare almeno parzialmente a questo problema intervistando Maurizio Cucchi. L' intervista, realizzata il 17 Dicembre 2004, si propone di approfondire alcune delle problematiche, delle criticità e delle questioni che mi sembrano fondamentali per un soddisfacente approccio sia alla poetica di Maurizio Cucchi sia, in generale, all'universo poetico italiano "secondonovecentesco" del quale Cucchi è senz'ombra di dubbio uno dei maggiori esponenti. 1 C.Viviani, Il mondo non è uno spettacolo, Milano, il Saggiatore, 1998, p.128