Intervento umanitario e diritto internazionale

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Guglielmo Valìa Contatta »

Composta da 145 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 13566 click dal 21/12/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo.

Anteprima della Tesi di Guglielmo Valìa

Anteprima della tesi: Intervento umanitario e diritto internazionale, Pagina 13
Mostra/Nascondi contenuto.
20 La legittimità di una data azione può invece essere determinata essenzialmente da ragioni politiche e morali alle quali possono essere incluse considerazioni legali accessorie. La nozione di legittimità è un concetto multidisciplinare riferito ai principi morali-filosofici, politici così come legali generali; in quest’ottica ci si chiede se l’intervento è giustificabile. Per cui, mentre la legalità è determinata da norme di diritto internazionale, la legittimità è un concetto con vari significati, può essere un concetto puramente politico-morale o un concetto politico-legale, comunque più ampio. Considerare un’azione più o meno legittima può avere profonde conseguenze politiche oltre che dare uno spunto per la desiderabilità e la possibilità di futuri cambiamenti, promuovendo un’evoluzione del diritto internazionale consuetudinario fornita dall’avvio di una nuova prassi. Si tenga presente comunque che affinché possa emergere una nuova norma consuetudinaria a livello internazionale deve esserci, oltre che una prassi (diuturnitas) e perciò un comportamento costante e uniforme degli Stati, anche la convinzione dell’obbligatorietà del comportamento stesso (opinio juris sive necessitatis) e inoltre, elemento non trascurabile, il comportamento deve essere supportato dalla “più vasta maggioranza di Stati”. Se uno sviluppo prenda piede o meno dalla pratica degli Stati questo dipende dalle giustificazioni addotte ai loro atti, visto che una rivendicazione di legittimità può essere avanzata o in forma politico-legale o solo in forma politico-morale. Sotto tale aspetto, una giustificazione anche legale può accampare l’emersione di una nuova norma di diritto internazionale consuetudinario e pertanto essa può essere considerata come un “precedente” alla sua formazione, naturalmente tale giustificazione deve essere supportata da una vasta maggioranza