Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Intervento umanitario e diritto internazionale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 L’azione in favore dell’osservanza e quindi del rispetto del diritto internazionale umanitario (jus in bello o diritto internazionale dei conflitti armati) e dei diritti umani, nonché la relativa punizione dei responsabili, possono implicare la necessità dell’impiego della forza, e non avendo a disposizione i mezzi materiali, il CDS ricorre all’autorizzazione o raccomandazione rilasciata agli SM per l’intervento armato diretto. Si assiste perciò ad una commistione delle due dimensioni: tra lo jus contra bellum (l’uso della forza previsto dalla Carta ONU secondo l’art. 51 e il CAP. VII) e lo jus in bello (il diritto internazionale umanitario); la realizzazione del rispetto del diritto umanitario e dunque la salvaguardia dei valori umanitari messi in pericolo dal conflitto, appare non soltanto un obiettivo che ha valore in sé stesso, bensì anche uno strumento appropriato volto a tenere il terreno preparato a ristabilire la pace, impedendo che conflitti interni si estendano fino a divenire internazionali. Nonostante il mutamento della realtà nell’equilibrio politico mondiale le NU, non essendo in condizione di intervenire con propri mezzi, oltre a spogliarsi esplicitamente della loro competenza nel condurre operazioni coercitive autorizzando gli SM all’intervento, in alcuni casi hanno assistito di fatto alla gestione delle crisi attraverso azioni degli Stati operanti extra- organizzazione, nel contesto dei loro tradizionali e reciproci rapporti interpotenza. In questa situazione di inefficienza e incapacità dell’ONU, dovuta anche a una mancanza di accordo in seno al CDS, è tornata in auge la tanto discussa quanto controversa teoria dell’“intervento umanitario” (Humanitarian Intervention): “Un’azione coercitiva che implica l’uso della forza armata da parte di uno Stato o un gruppo di Stati nel territorio di un altro

Anteprima della Tesi di Guglielmo Valìa

Anteprima della tesi: Intervento umanitario e diritto internazionale, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Guglielmo Valìa Contatta »

Composta da 145 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 13872 click dal 21/12/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.