Skip to content

Definizione di Outsourcing

Il processo tramite il quale una società affida l’espletamento di una propria funzione produttiva o di un servizio ad un fornitore esterno.
Nonostante il termine sia molto diffuso, l’interpretazione del suo significato non è univoca.
Talvolta, il termine è adoperato per indicare il caso specifico in cui chi esternalizza (outsourcee) dipende totalmente dal subfornitore (outsourcer) per l'approvvigionamento, in quanto non ha la possibilità di svolgere autonomamente l'attività oggetto di contrattazione. Tale interpretazione distingue detto caso da quello più generale di subappalto o subfornitura (subcontracting) in cui, al contrario, il subappaltante rimane in grado di svolgere con mezzi propri l'attività oggetto del contratto.
Un’altra corrente di pensiero utilizza il termine outsourcing per riferirsi a quelle situazioni in cui un'impresa instaura una relazione bilaterale con un'altra impresa per lo svolgimento di attività che richiedono asset specifici, e dunque infungibili. In questo caso la discriminante non è il possesso di requisiti dell'outsourcee, ma la natura degli investimenti necessari allo svolgimento delle attività esternalizzate.
In entrambi i casi, comunque, l'outsourcing implica una qualche forma di stabilità del rapporto di collaborazione tra l'impresa e il terzista.

di Giovanna Grosso

Valuta questa definizione: