Skip to content

Responsabilità sociale d'impresa e tipologie di illeciti nella supply chain del sistema moda

Informazioni tesi

  Autore: Giovanna Grosso
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Scienze Sociali Applicate
  Relatore: Ernesto Savona
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 144

L’industria della moda rappresenta uno dei principali settori trainanti del Made in Italy, espressione, quest’ultima, che non indica la sola origine geografica delle merci ma è ormai sinonimo per il consumatore globale di elevata qualità e tradizione, tipica del prodotto italiano.
L’industria della moda, soprattutto nella forma in cui si è sviluppata in Italia dagli anni ‘70 ad oggi, è strutturata secondo una fitta rete di rapporti di fornitura e subfornitura. Sulla base di tale modello organizzativo, generalmente, le imprese svolgono all’interno della propria struttura le attività del processo produttivo a più elevata creazione di valore quali, lo sviluppo del prodotto, design e marketing. Le attività di realizzazione del prodotto vengono, invece, delocalizzate alle suddette imprese di fornitura.
Il termine delocalizzazione, più precisamente, denota l’atto di trasferire in un’altra regione o in un altro paese una parte stessa dell’azienda o alcune funzioni chiave che le sono proprie.
Il processo di globalizzazione dell’economia mondiale ha dato alle imprese dei paesi industrializzati la possibilità di delocalizzare ovvero affidare in outsourcing le attività che richiedono maggiore intensità di lavoro nei paesi in cui i bassi costi della manodopera permettono di conseguire consistenti vantaggi di costo. In tal modo, i paesi del centro e sud America e soprattutto i paesi asiatici (tra i quali spiccano in maniera particolare la Cina e l’India) hanno assunto il ruolo di centri manifatturieri globali.
Al fine di spiegare le ragioni all’origine di questo trend nelle industrie del sistema moda, è opportuno chiarire alcuni aspetti e alcune dinamiche proprie di queste ultime. Il sistema delle produzioni è innanzitutto scandito dai ritmi delle collezioni stagionali i quali prevedono l’alternanza di periodi di straordinaria intensità di lavoro e periodi di relativa calma, con scarsa quantità di lavoro.
Il numero di collezioni annue da presentare negli showroom (i punti di esposizione e, talora, di vendita promozionale ai clienti) è in continuo aumento, superando, talvolta, il concetto stesso di stagione. Ne consegue che tutte le fasi del processo produttivo, sia antecedenti che successive alla presentazione delle collezioni, sono caratterizzate da ritmi lavorativi estremamente intensi. In particolare, le commesse, vale a dire le ordinazioni dei quantitativi di merce da produrre, raggiungono picchi molto elevati. Ciò si traduce, a sua volta, in forti pressioni sui fornitori i quali hanno tempi estremamente ristretti per le consegne, pena l’imposizione di sanzioni o la risoluzione del contratto.
La capacità dei fornitori e subfornitori dei cosiddetti Paesi in via di sviluppo di rispettare i tempi delle consegne, offrendo, al contempo, bassi costi di manodopera, attrae sempre più investimenti da parte delle multinazionali e delle grandi aziende di moda occidentali.
Ma in che modo queste imprese di fornitura riescono a combinare il binomio bassi costi di manodopera/rispetto dei tempi di consegna?
All’origine di tutto questo c’è l’impiego massiccio delle cosiddette condotte di “dumping sociale”, espressione ormai divenuta di uso corrente, che fa riferimento al mancato rispetto delle leggi e dei contratti di lavoro . Tali condotte comprendono, tra le altre, lo sfruttamento del lavoro minorile, lo sfruttamento della manodopera (sia essa clandestina o meno) attraverso l’allungamento smisurato dell’orario di lavoro e una retribuzione con stipendi al di sotto della soglia di povertà, l’assenza di sicurezza ed igiene negli ambienti di lavoro.
La diffusione di queste pratiche è stata portata a conoscenza del grande pubblico grazie agli scandali che negli anni ’90 hanno coinvolto diverse multinazionali di abbigliamento sportivo (i più famosi sono quelli di Nike e Adidas del 1996). Ciò ha scatenato il proliferarsi di campagne di boicottaggio da parte di organizzazioni non governative e associazioni dei consumatori, le quali, a loro volta, hanno causato notevoli perdite economiche alle aziende coinvolte in termini di immagine, reputazione del marchio e, quindi, di fatturato.
Tutto ciò ha reso – e rende tuttora – indispensabile il ricorso a pratiche di responsabilità sociale che tutelino, da una parte, il consumatore e la sua domanda di “etica del consumo”, dall’altra, le stesse imprese dalle disastrose conseguenze derivanti dal mancato impiego di condotte socialmente responsabili.
Scopo del presente lavoro è analizzare le varie tipologie di condotte illecite riscontrate di frequente nella supply chain (o catena di fornitura) delle industrie di moda ed esaminare le relative strategie di risposta attuate dalle imprese coinvolte .

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3                                                                INTRODUZIONE L’industria della moda rappresenta uno dei principali settori trainanti del Made in Italy, espressione, quest’ultima, che non indica la sola origine geografica delle merci ma è ormai sinonimo per il consumatore globale di elevata qualità e tradizione, tipica del prodotto italiano. L’industria della moda, soprattutto nella forma in cui si è sviluppata in Italia dagli anni ‘70 ad oggi, è strutturata secondo una fitta rete di rapporti di fornitura e subfornitura. Sulla base di tale modello organizzativo, generalmente, le imprese svolgono all’interno della propria struttura le attività del processo produttivo a più elevata creazione di valore quali, lo sviluppo del prodotto, design e marketing. Le attività di realizzazione del prodotto vengono, invece, delocalizzate alle suddette imprese di fornitura [Guidotti, 2006]. Il termine delocalizzazione, più precisamente, denota l’atto di trasferire in un’altra regione o in un altro paese una parte stessa dell’azienda o alcune funzioni chiave che le sono proprie [Fintoni, 2005]. Il processo di globalizzazione dell’economia mondiale ha dato alle imprese dei paesi industrializzati la possibilità di delocalizzare ovvero affidare in outsourcing le attività che richiedono maggiore intensità di lavoro nei paesi in cui i bassi costi della manodopera permettono di conseguire consistenti vantaggi di costo. In tal modo, i paesi del centro e sud America e soprattutto i paesi asiatici (tra i quali spiccano in maniera particolare la Cina e l’India) hanno assunto il ruolo di centri manifatturieri globali 1 [Guidotti, 2006]. 1 Tale dinamica riguarda qualsiasi settore produttivo, dal tessile – abbigliamento al settore calzaturiero, dall’elettronica all’industria dei giocattoli.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

codici di condotta
compliance model
d.lgs. 231/2001
delocalizzazione
outsourcing
rendicontazione sociale
responsabilità sociale d'impresa
sa 8000
sfruttamento lavoro minorile
sfruttamento lavoro nero
sicurezza sul luogo di lavoro
sistema moda
supply chain
sweatshop
violazione norme marcatura d'origine

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi