Skip to content

MASTER E LAVORO


Costruisci il tuo futuro

 
 
 

MASTER E LAVORO


Costruisci il tuo futuro

News Lavoro  Cercare lavoro 

Come scrivere il curriculum per chi non ha esperienze lavorative

26 luglio 2019

Come scrivere il curriculum per chi non ha esperienze lavorative “Tutti richiedono esperienza, ma se non mi fanno iniziare a lavorare come posso averla?”
Quante volte hai detto o sentito questa frase?
Se hai appena terminato il tuo percorso di studi è facile che tu non abbia avuto l’occasione di maturare molte esperienze lavorative.
Allora come ottimizzare il tuo curriculum? Saltando la sezione dedicata ai precedenti lavori?

Ovviamente questa non è la strada giusta.
Immagina un recruiter con poco tempo e centinaia di CV da guardare.
Immaginalo mentre prende dal mucchio il tuo e vede a colpo d’occhio che manca una sezione, tra l’altro una di quelle più importanti.
Secondo te dove va a finire il tuo CV?

Non ti disperare. Non è detto che tu non possa costruire un curriculum accattivante anche senza esperienze.
Dovrai solo ripensarne la forma e dare il massimo risalto a quello che sei e alle competenze che hai maturato.

#1- Per prima cosa fai un elenco di tutto ciò che può renderti interessante per quella posizione
- Formazione universitaria: voto di laurea (se con un punteggio alto), tesi di laurea (hai mai pensato di pubblicarla?) e/o singoli esami se hanno un argomento attinente alla posizione lavorativa o hai fatto dei progetti particolari, indica se hai terminato in anticipo il tuo percorso o hai dato esami in più fuori curriculum
- Altri corsi: certificazioni e corsi di specializzazione, corsi di lingua, corsi per interesse personale (scrittura creativa, primo soccorso…).
- Competenze specifiche nell'utilizzo di uno strumento/un programma specifico
- Progetti sviluppati per interesse personale o per associazioni di cui fai parte
- Hobby e interessi: sport, suonare uno strumento, volontariato, viaggi, gare a cui hai partecipato, concorsi…
- Eventuali lavoretti estivi: baby sitter, servizio civile, cameriere, campo estivo…
Cerca di ragionare su quale tipo di messaggio trasmette di te quello che hai fatto e seleziona ciò che può dare l’immagine migliore rispetto alla posizione per cui ti candidi.

#2- Cura la parte legata alla tua descrizione personale
Medesimo discorso per la descrizione personale: parla dei tuoi punti di forza, racconta le tue aspirazioni per il futuro, ma ricorda che il tuo obiettivo è quello di essere assunto.
Quindi, senza mentire, cerca di selezionare ciò che ti te potrebbe apportare un vantaggio all'azienda.
Se la posizione è quella di customer care sottolinea le tue doti comunicative.
Se devi entrare come junior in un team, parla della tua flessibilità e della capacità di lavorare in gruppo.

#3- Cosa non fare
- Dilungarti in spiegazioni sul perché non hai maturato esperienze lavorative: a meno che tu non abbia un motivo valido professionalmente (eri impegnato in un progetto di ricerca sul campo) evita di addentrarti in spiegazioni personali. Potrai contestualizzare meglio la tua esperienza in fase di colloquio.
- Citare ogni tua passione: il CV non è un’autobiografia, ma la tua presentazione ad un’azienda. Chiediti di cosa quest’azienda ha bisogno e mostrale che tu sei la persona giusta presentando le tue qualità in modo mirato. Non è necessario che gli parli dei lavori a maglia o della tua passione per le serie tv.
- Non essere troppo generico: visto che devi puntare tutto sulla descrizione personale, evita di essere troppo generico. “Mi piace ascoltare musica” non aggiunge nulla al tuo CV.

#4- Utilizza un CV funzionale
A differenza del curriculum tradizionale che dà risalto allo svolgimento cronologico della carriera, il CV funzionale è impostato per argomenti.
Potrebbe essere utile per chi non ha esperienza, perché dà meno risalto all'assenza della sezione esperienze lavorative e attira l’attenzione del recruiter con un pizzico di originalità.
Ad esempio, dopo la sezione contatti e quella sulla formazione, puoi creare delle brevi sezioni che riprendano le caratteristiche ricercate nell'annuncio, spiegando come tu le abbia maturate grazie alle tue esperienze extra lavorative.
Così: “Capacità organizzative”:
- Ho coordinato la ricerca di partecipanti per la locale “Fiera di maggio”
- Ho gestito la comunicazione degli eventi per la sezione locale dell’AVIS
Ovviamente dovrai essere molto oculato e persuasivo nella scelta di cosa dire perché questo CV abbia l’impatto giusto.

#5- E se non ho nulla da dire?
Se non hai hobby, nessuna passione, nessuna esperienza, è il momento giusto per abbinare la ricerca di lavoro all'impegno per sviluppare e mettere alla prova le tue qualità.
Non sottovalutare mai la potenza della costruzione di contatti e della motivazione che ti possono venire dal partecipare attivamente alla vita locale o dal coltivare un’abilità particolare.
Perciò fai un elenco di tutto ciò che ti piace o ti può arricchire ulteriormente, alzati dalla scrivania e inizia a costruire il tuo futuro.