Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30

Pasolini apre la polemica sul neorealismo

27 giugno 1960

Pasolini legge a Roma, durante il premio Strega, la sua Epistola in versi "In morte del neorealismo". L'epistola riguarda il Cavaliere inesistente di Calvino e attacca palesemente Cassola, che si presenta con la Ragazza di Bube: «Sono qui a seppellire il neorealismo italiano non a farne l'elogio». Dopo quel polemico intervento molti saranno i dibattiti che impegneranno gli intellettuali, compreso Pasolini, per tutta la metà del decennio successivo. Il suo è un attacco sia politico che culturale a tutte le forme sclerotiche della critica con la sua stessa elevazione a istituzione, e anche un elenco di quegli scrittori che, con «conferenze, inchieste hanno finito col restaurare la lingua e ottenere quello che volevano: ridurla al grigiore dello stato». Una lingua restaurata come il potere, codificata e priva di realtà, come quella del neorealismo (sia letterario che cinematografico) «sigillato col sangue dei partigiani».

Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

Firmata a San Francisco la Carta delle Nazioni Unite
  Evento successivo

Assassinato a Sarajevo l'arciduca Francesco Ferdinando