Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

Il Fascismo e i problemi della razza

15 luglio 1938

Viene pubblicato anonimo da Il Giornale d'Italia e da tutta la stampa, con il titolo di "Il Fascismo e i problemi della razza", il Manifesto dell'antisemitismo fascista. Esso sostiene il carattere puramente biologico del concetto di razza, non fondandolo su considerazioni storiche, linguistiche o religiose. Dopo aver precisato che «la popolazione dell'Italia attuale è nella maggioranza di origine ariana e la sua civiltà ariana», si arriva al settimo paragrafo: «E' tempo che gli Italiani si proclamino francamente razzisti. Tutta l'opera che finora ha fatto il Regime in Italia è in fondo del razzismo». Per dissipare il sospetto che il razzismo italiano sia nient'altro che una scopiazzatura servile di quello germanico si aggiunge: «Questo non vuol dire però introdurre in Italia le teorie del razzismo tedesco, questo vuol dire elevare l'italiano ad un ideale di superiore coscienza di se stesso e di maggiore responsabilità». Dei dieci paragrafi, solo uno, il nono, parla direttamente degli ebrei: «Gli ebrei rappresentano l'unica popolazione che non si è mai assimilata in Italia perché essa è costituita da elementi razziali non europei, diversi in modo assoluto dagli elementi che hanno dato origine agli Italiani».

Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

La sonda Mariner 4 fotografa Marte
  Evento successivo

La prima esplosione atomica sperimentale