Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30

La Repubblica di Serbia adotta una nuova Costituzione

28 settembre 1990

La nuova Costituzione serba istruisce il nuovo regime politico e il sistema costituzionale della Serbia. Tale costituzione è adottata da parte dell'Assemblea della Repubblica Socialista di Serbia, eletta attraverso le consultazioni elettorali tenutesi verso la fine dell'anno 1989. La nuova Costituzione, però, nasce nel quadro di un sistema puramente monopartitico, caratterizzato dal monopolio assoluto di potere del Partito socialista di Serbia, in cui si è formalmente trasformata la vecchia Lega dei comunisti. Essa è indubbiamente l'espressione della tendenza ad accettare le forme di governo delle democrazie moderne; con l'inserimento di disposizioni come il libero esercizio delle attività economiche e della proprietà privata, quali espressioni di rottura del sistema socialista dell'autogestione, e di tendenza a stabilire un'economia moderna, o come le disposizioni sul potere personale del Presidente della Repubblica, sul referendum, sulle elezioni dirette e sulla formazione di autonomie locali classiche e autonomie politico territoriali, quali espressione delle tendenze democratiche del nuovo sistema politico. Ma la pesante eredità del sistema precedente, legato al forte potere accentratore del Partito socialista e del suo esponente più carismatico, Slobodan Milosevic, e le frequenti violazioni della stessa e delle leggi da parte degli stessi organi statali, la priveranno quasi del tutto di qualsiasi parvenza di legalità.

Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

Firmato a Berlino il Patto Tripartito
  Evento successivo

La Conferenza di Monaco