Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30

L'accordo di Belgrado

9 giugno 1945

Viene raggiunto l'accordo di Belgrado in merito alla questione di Trieste. La regione Venezia Giulia, nei suoi confini del 1939 con le quattro province di Trieste, Gorizia, Pola e Fiume, è divisa in due zone di occupazione e amministrazione: una, la zona A, deve passare sotto il comando alleato e comprende una striscia di territorio formata dalla riva destra dell'Isonzo fino a Gorizia e dall'entroterra di Duino e Trieste fino alle porte di Codibil e Punta Grossa, nonché Pola e gli ancoraggi sulla costa occidentale dell'Istria; l'altra, la zona B, rimane affidata alla Jugoslavia e comprende tutto il restante territorio della regione.
La Jugoslavia tuttavia ottiene anche il diritto di far restare nella zona A, concentrato nell'entroterra di Duino dal quale non può sconfinare, un contingente di duemila uomini, amministrati però dagli alleati. Inoltre i deportati e gli arrestati nei quaranta giorni di amministrazione titina devono essere rilasciati e i beni confiscati essere restituiti.

Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

Nuovo impulso alle autonomie locali
  Evento successivo

L'Italia entra nella Seconda guerra mondiale