Skip to content

Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

Il III Congresso del Movimento Sociale Italiano

26 luglio - 28 luglio 1952

Il III Congresso del Msi si apre in uno stato di tensione interna al partito. Il Segretario, con la sua relazione introduttiva, evita intanto che si aggravi il dissenso. De Marsanich, infatti, calma l'opposizione sui punti più scottanti. In politica estera afferma «irrinunciabile la revisione del Diktat di pace» e la «reintegrazione di Trieste e di tutte le terre dell'Adriatico» e ripropone «il diritto del popolo italiano a partecipare alla messa in valore e alla civilizzazione dell'Africa». Per non accentuare i contrasti, sul Patto Atlantico e la Nato evita di assumere una netta posizione, ma in compenso rivendica appieno l'appartenenza all'Occidente e la difesa dello stesso. Questa introduzione dai toni pacati fa svolgere il Congresso senza particolari scontri o lacerazioni.
Vi è un solo colpo di mano da parte della sinistra, la quale riesce a far passare, in un momento di stanca del Congresso, la norma sul carattere repubblicano del Msi, mentre la presidenza abbandona, per protesta, il palco.
Nella mozione finale sono riaffermati: l'importanza «dell'idea corporativa e dell'autogoverno delle forze produttrici [...] al fine di conseguire la completa emancipazione del lavoro in un nuovo ordine sociale» e il concretamento dello «Stato nazionale del lavoro che si fonda sull'attuazione di un'economia programmatica socializzatrice su basi corporative». Inoltre, per la prima volta vengono evidenziati i problemi sindacali: si invitano, infatti, esplicitamente i lavoratori simpatizzanti per il Msi ad aderire alla Cisnal perché è «indispensabile potenziare l'organizzazione attiva dei lavoratori».
Nonostante al Congresso siano approvati molti punti importanti della sinistra, passa la linea De Marsanich-Michelini, perché, ancora una volta, è Almirante a fare da moderatore, tradendo le aspettative dei "duri".

Tesi correlate:

  • Il Msi ed il ruolo dell'Italia nella politica internazionale 1948-1956
    di Elvira Allocca
  • L'estrema destra italiana dal 1965 al 1974
    di Matteo Bestetti
Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

L'arresto di Mussolini
  Evento successivo

L'equo canone