Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

Algeria: il Fronte Islamico di Salvezza vince le elezioni

26 dicembre 1991

Le elezioni legislative stravolgono il futuro dell'Algeria. Grazie ad una legge elettorale e ad una suddivisione delle circoscrizioni a tutto vantaggio del Fronte Islamico di Salvezza, questo, con un quarto dell'elettorato e meno della metà dei voti espressi, riesce a sfiorare la maggioranza assoluta dei seggi parlamentari fin dal primo turno.
Circa un milione di certificati elettorali non sono mai stati distribuiti, molti di coloro che si recano agli uffici elettorali li trovano chiusi: per l'occasione l'orario degli sportelli è stato ridotto.
I brogli nei seggi sono spesso plateali. Il metodo più usato è quello della busta vuota: il primo a entrare nel seggio è un militante del Fis il quale ritira la scheda ma deposita la busta vuota. La scheda portata fuori viene consegnata all'elettore seguente, il quale mette nella busta la scheda ma deve uscire con la sua, che sarà consegnata all'elettore successivo.
Inoltre l'astensione è fortissima. Su 13.258.554 aventi diritto al voto, si recano a votare solo 6.897.719 (il 52.02%). 3.260.222 voti (il 47,27 % dei voti espressi, il 24,54 degli aventi diritto) vanno al Fis. I 232 seggi assegnati al primo turno sono così ripartiti: 188 al Fis, 25 al Ffs, 16 al Fln e 3 agli indipendenti.

Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

Gorbaciov rassegna le dimissioni: l'Urss non esiste più
  Evento successivo

Attentati suicidi a Fiumicino e a Vienna