Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

L'Alto Commissariato per le sanzioni contro il fascismo

27 luglio 1944

Il decreto legislativo luogotenenziale numero 159 sostituisce tutti i provvedimenti precedenti contro i fascisti creando un apposito organo, L'Alto Commissariato per le sanzioni contro il fascismo.
L'articolo 2 recita: «I membri del governo fascista ed i gerarchi del fascismo, colpevoli di aver annullate le garanzie costituzionali, distrutte le libertà popolari, creato il regime fascista e compromesse e tradite le sorti del Paese condotto alla attuale catastrofe sono puniti con l'ergastolo e, nei casi di più grave responsabilità, con la morte». L'articolo 5 prevede il reato di collaborazione con il nemico dopo l'8 settembre, e chiunque abbia commesso tradimento sarà punito secondo il codice militare di guerra. Vi è però una scappatoia: «la pena può essere ridotta fino ad un quarto, e la pena di morte e l'ergastolo sostituiti con la reclusione non inferiore a 5 anni, nel caso l'accusato abbia partecipato attivamente alla lotta contro i tedeschi». Questa clausola dopo la fine della RSI salverà la vita a molti fascisti repubblicani.
Alto commissario è nominato il Conte Carlo Sforza.

Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

Nasser annuncia la nazionalizzazione del canale di Suez
  Evento successivo

Pio X censura la Lega democratica nazionale