Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

La Riforma dell'organizzazione del Governo

30 luglio 1999

Il decreto legislativo n. 300 sulla «Riforma dell'organizzazione del Governo, a norma dell'articolo 11 della legge 15 marzo 1997, n. 59», prevede che ogni Ministero emani regolamenti o decreti che stabiliscano «l'organizzazione, la dotazione organica, l'individuazione degli uffici di livello dirigenziale e il loro numero, le relative funzioni e la distribuzione dei posti di funzione dirigenziale, l'individuazione dei dipartimenti e la definizione dei rispettivi compiti».
Con la nuova struttura si vuole cercare di rendere più omogenee le competenze, in particolare il Ministero dell'Economia e delle Finanze riunirà Finanze e Bilancio; in quello dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, confluiranno Pubblica Istruzione e Università; al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti andranno le competenze di Lavori Pubblici e Trasporti; le Attività Produttive assorbiranno Industria, Commercio Estero e Comunicazioni; Lavoro, Salute e Politiche Sociali, si vedrà attribuire le funzioni di Lavoro e Sanità; mentre il Ministero dell'Ambiente diverrà Ministero dell'Ambiente e della tutela del territorio (art.35, I), al quale saranno attribuite le funzioni e i compiti spettanti allo Stato in materia di tutela dell'ambiente e del territorio (art.35, III).
Per quanto riguarda i Dicasteri senza portafoglio, passano alla Presidenza del Consiglio dei Ministri le competenze di Riforme Istituzionali, Politiche Comunitarie, Funzione Pubblica, Affari Regionali, Pari Opportunità e Rapporti con il Parlamento, e al Lavoro quelle della Solidarietà Sociale.
Ogni Ministero consegue titolarità politica e sviluppa rapporti con l'Unione Europea e con organizzazioni ed Agenzie internazionali di settore (art.2), si articola in dipartimenti, o nel caso di Affari Esteri, Difesa, Beni e Attività Culturali, in direzioni generali; da questi, dipenderanno le Agenzie, che hanno personalità giuridica e svolgono attività a carattere tecnico-operativo di interesse nazionale, attualmente esercitate da Ministeri ed Enti Pubblici (art.2).
I dipartimenti devono assicurare l'esercizio organico ed integrato delle funzioni del Ministero; sono attribuiti a tali dipartimenti compiti finali per grandi aree di materie omogenee e compiti strumentali, compresi quelli di indirizzo e coordinamento, organizzazione e gestione delle risorse strumentali, finanziarie ed umane ad essi attribuiti.
Il decreto, nell'ambito del riordino degli uffici del Ministero della Pubblica Istruzione, prevede la soppressione dei Provveditorati agli Studi e l'eventuale istituzione, previa intesa con le Regioni e gli Enti locali, dei servizi di consulenza e di supporto alle istituzioni scolastiche, articolati anche per funzioni: presso di essi saranno istituiti pertanto gli organi collegiali di livello locale, i Consigli scolastici locali, in sostituzione sia dei Consigli scolastici distrettuali, sia del Consiglio scolastico provinciale.

Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

Il primo congresso del Partito popolare italiano
  Evento successivo

L'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni