Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28

Promulgata la Costituzione Meiji

11 febbraio 1889

In Giappone viene promulgata la Costituzione Meiji, redatta nella massima segretezza e presentata come dono elargito dall'Imperatore al popolo.
Il primo articolo proclama la sacralità e l'inviolabilità dell'Imperatore, il quale continuerà a guidare il paese in virtù della sua origine divina. La leggenda della fondazione divina della nazione, intorno al 660 a.C., da parte degli antenati della famiglia imperiale diventa così la dottrina ufficiale dell'impero, nonostante sia priva di qualunque fondamento storico.
Il potere sovrano dell'Imperatore è in qualche misura limitato dalle disposizioni della Costituzione, anche se la sua volontà rimane prevalente rispetto a quella del parlamento in molti settori della vita pubblica: le leggi emanate dall'organo di rappresentanza del popolo necessitano dell'approvazione imperiale. L'Imperatore ha inoltre il potere di emanare editti imperiali e ordinanze con valore di legge.
Trattati nel secondo capitolo della Costituzione Meiji, diritti e doveri dei sudditi si configuravano come elargiti dalla volontà illuminata dell'Imperatore. Il popolo giapponese continua a essere un popolo di "sudditi," senza che vengan loro riconosciuti i diritti umani "naturali" che l'uomo può rivendicare in quanto individuo. La Costituzione garantisce questi diritti, stabilendo che qualunque limitazione dovrà essere prescritta per legge e approvata dal parlamento.

Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

L'Italia firma il trattato di pace
  Evento successivo

Nazionale di calcio: la prima volta senza la Rai