Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

Il Congresso Usa approva l'Agricultural Adjustment Act

12 maggio 1933

Il Congresso degli Stati Uniti approva l'Agricultural Adjustment Act. Questo provvedimento aderisce alla dottrina della "ripartizione interna" elaborata da diversi docenti di economia. Il piano di "ripartizione interna" prevede la riduzione della superficie coltivata, l'imposizione di imposte su alcune attività di trasformazione dei prodotti agricoli e il versamento come indennizzo di tali quote a quei contadini che abbiano aderito al piano dichiarandosi disposti a limitare la loro produzione.
Il piano ha sostanzialmente due scopi immediati: risolvere il problema dei prezzi bassi e dell'aumento delle eccedenze. Ancora più importanti sono gli obiettivi a lungo termine: sostenere i redditi degli agricoltori, garantendo loro il potere d'acquisto del periodo prebellico. Il presidente Roosevelt, da parte sua, insiste prevalentemente perché il piano riscuota l'approvazione della maggior parte degli agricoltori. Chiede pertanto ai suoi collaboratori di vararlo di comune accordo con i rappresentanti dei contadini, scaricando così tutta la responsabilità del provvedimento solo sulle organizzazioni agricole.

Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

Il primo intervento sul trattamento giudiziario dei minori
  Evento successivo

La legge delle guarentigie