Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La concentrazione bancaria in Italia: analisi del processo di evoluzione storica in rapporto alle realtà economiche di altri paesi

Negli ultimi anni, i sistemi finanziari dei principali Paesi hanno subito profonde trasformazioni, a seguito della progressiva integrazione tra le economie nazionali, dell’incessante progresso nel campo delle telecomunicazioni, dell’espansione su scala mondiale del mercato dei capitali, che hanno reso sempre meno netta la separazione tra i singoli comparti del sistema finanziario.
In risposta a tale evoluzione, in un contesto di progressivo allentamento dei vincoli posti alla loro attività, gli intermediari finanziari (banche, assicurazioni, fondi comuni) hanno adottato in misura crescente strategie aziendali volte a conseguire guadagni di efficienza e ad ampliare la gamma dei servizi prestati alla clientela. Nel mercato creditizio, queste tendenze di fondo hanno interagito con le innovazioni normative introdotte a livello nazionale, al fine di rimuovere i vincoli posti all’attività delle banche, e con il forte aumento della concorrenza che ne è derivata.
Una delle conseguenze di maggior rilievo di questi mutamenti strutturali è rappresentata dalla crescente diffusione delle operazioni di fusione e di acquisizione tra banche.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Negli ultimi anni, i sistemi finanziari dei principali Paesi hanno subito profonde trasformazioni, a seguito della progressiva integrazione tra le economie nazionali, dell’incessante progresso nel campo delle telecomunicazioni, dell’espansione su scala mondiale del mercato dei capitali, che hanno reso sempre meno netta la separazione tra i singoli comparti del sistema finanziario. In risposta a tale evoluzione, in un contesto di progressivo allentamento dei vincoli posti alla loro attività, gli intermediari finanziari (banche, assicurazioni, fondi comuni) hanno adottato in misura crescente strategie aziendali volte a conseguire guadagni di efficienza e ad ampliare la gamma dei servizi prestati alla clientela. Nel mercato creditizio, queste tendenze di fondo hanno interagito con le innovazioni normative introdotte a livello nazionale, al fine di rimuovere i vincoli posti all’attività delle banche, e con il forte aumento della concorrenza che ne è derivata 1 . Una delle conseguenze di maggior rilievo di questi mutamenti strutturali è rappresentata dalla crescente diffusione delle operazioni di fusione e di acquisizione tra banche. Il fenomeno si è sviluppato nei singoli Paesi in tempi diversi, riflettendo anche la diversa evoluzione ciclica della redditività delle banche in ciascuna area, ma assume oggi rilievo ovunque, ponendo problemi nuovi riguardo la redditività delle banche coinvolte, il livello della concorrenza nel settore creditizio e la disponibilità ed il costo dei finanziamenti per le imprese di minori dimensioni. 1 D. FOCARELLI, F. PANETTA, C. SALLEO, Determinanti e conseguenze delle acquisizioni e fusioni bancarie in Italia. Un’analisi empirica (1984-1996), in “Banca Impresa Società”, aprile 1999.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Angelo Malagnino Contatta »

Composta da 182 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5394 click dal 26/10/2004.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.