Skip to content

Convergenza e cambiamento strutturale. Teoria ed evidenza empirica per i paesi dell’est Europa

Informazioni tesi

  Autore: Stefano Visintin
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Trieste
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia del Commercio Internaz. e dei Mercati Valutari
  Relatore: Elena Podrecca
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 102

Introduzione




All’interno dello studio della crescita economica un ruolo chiave nell’interpretazione di certe tipologie di performance può essere attribuito alla convergenza economica, fenomeno che riscontriamo nei particolari casi in cui, preso un gruppo di paesi o regioni, considerati durante un determinato periodo, possiamo osservare l’avvicinamento degli stati più poveri ai livelli di quelli ricchi, in termini di prodotto interno lordo pro capite, misura standard della ricchezza di un paese o regione, o di produttività.
La prima parte di questo lavoro ha come obiettivo presentare in maniera completa i differenti contributi teorici, accompagnati da alcuni test empirici, che hanno costituito la storia e l’evoluzione del pensiero economico sull’argomento. Partendo dai primi scritti elaborati a proposito da Veblen, datati 1915, e Gerschenkron (1952) sui vantaggi dell’arretratezza relativa, passeremo ad esporre le importanti tesi sostenute da Abramovitz e Baumol durante gli anni ottanta sul catching up tecnologico. Il modello di crescita definito neoclassico sarà studiato come generatore di convergenza assoluta e condizionale sia nella sua versione originale, sia nella forma che considera il capitale umano elaborata da Mankiw, Romer e Weil (1990). A conclusione della prima parte incontreremo invece le critiche mosse a tali studi con una particolare attenzione rivolta a quanto espresso sull’argomento da Friedman (1992) e Quah (1993, 1996), senza dimenticare di dar spazio al metodo di analisi proposto da questo ultimo.
Nella seconda parte uno dei fattori che contribuiscono al fenomeno verrà trattato con particolare attenzione sia dal punto di vista teorico che empirico. Dopo esserci soffermati a studiare la convergenza come fenomeno a livello settoriale ci concentreremo sui cambiamenti strutturali. Tali cambiamenti, visti come variazioni nella formazione di output e distribuzione della forza lavoro risultano infatti giocare un ruolo di primo piano nei processi di convergenza specialmente quando questi ultimi vengono studiati in quanto convergenza dei livelli di produttività.
La terza ed ultima sezione di questo lavoro consisterà nella presentazione di uno studio empirico che si pone come obiettivo l’analisi del processo di convergenza avvenuto tra alcuni paesi fra quelli che recentemente hanno costituito l’allargamento dell’Unione Europea ed i paesi firmatari del trattato di Maastricht. Verranno svolte analisi a livello aggregato e settoriale sui livelli di produttività di Estonia, Lettonia, Ungheria, Polonia, Slovacchia e dei paesi che formavano l’Unione Europea a quindici, esponendo ed applicando un metodo che possa misurare il peso, all’interno del processo a livello aggregato, da attribuirsi ai cambiamenti strutturali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione All’interno dello studio della crescita economica un ruolo chiave nell’interpretazione di certe tipologie di performance può essere attribuito alla convergenza economica, fenomeno che riscontriamo nei particolari casi in cui, preso un gruppo di paesi o regioni, considerati durante un determinato periodo, possiamo osservare l’avvicinamento degli stati più poveri ai livelli di quelli ricchi, in termini di prodotto interno lordo pro capite, misura standard della ricchezza di un paese o regione, o di produttività. La prima parte di questo lavoro ha come obiettivo presentare in maniera completa i differenti contributi teorici, accompagnati da alcuni test empirici, che hanno costituito la storia e l’evoluzione del pensiero economico sull’argomento. Partendo dai primi scritti elaborati a proposito da Veblen, datati 1915, e Gerschenkron (1952) sui vantaggi dell’arretratezza relativa, passeremo ad esporre le importanti tesi sostenute da Abramovitz e Baumol durante gli anni ottanta sul catching up tecnologico. Il modello di crescita definito neoclassico sarà studiato come generatore di convergenza assoluta e condizionale sia nella sua versione originale, sia nella forma che considera il capitale umano elaborata da Mankiw, Romer e Weil (1990). A conclusione della prima parte incontreremo invece le critiche mosse a tali studi con una particolare attenzione rivolta a quanto espresso sull’argomento da Friedman (1992) e Quah (1993, 1996), senza dimenticare di dar spazio al metodo di analisi proposto da questo ultimo. Nella seconda parte uno dei fattori che contribuiscono al fenomeno verrà trattato con particolare attenzione sia dal punto di vista teorico che empirico. Dopo esserci soffermati a studiare la convergenza come fenomeno a livello settoriale ci concentreremo sui cambiamenti strutturali. Tali cambiamenti, visti come variazioni nella formazione di output e distribuzione della forza lavoro risultano infatti giocare un ruolo di primo piano nei processi di convergenza specialmente quando questi ultimi vengono studiati in quanto convergenza dei livelli di produttività.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

allargamento
assoluta
avvicinamento
cambiamenti strutturali
condizionale
convergenza
crescita
paesi dell'est
produttività
unione europea

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi