Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

WOKS, un Modello per L'intelligenza Collettiva

Come avviene il processo di costruzione della conoscenza? Quali sono i meccanismi che regolano l'apprendimento? È possibile aumentare la nostra innata capacità di apprendere? La scelta di un sistema di comunicazione reca con sé la necessità di un'analisi puntuale delle modalità con cui l'informazione è trattata e divulgata per suo tramite. Ogni mezzo di comunicazione, infatti, stabilisce in che modo devono essere interpretate le informazioni ed è, di per sé, già portatore d’informazione, indipendentemente dai contenuti dei messaggi che vi transitano. Spesso, tuttavia, persiste la tendenza a trasporre codici e modalità comunicative tipici di un medium in un altro medium ignorando che questo comporta un errato approccio alla comunicazione. "Il medium è il messaggio" sentenziava McLuhan (McLuhan, 1964). In questo slogan è racchiusa una profonda verità che impone, a quanti vogliono capire come avviene la comunicazione, di prestare una particolare attenzione al supporto che veicola l'informazione. Sul Web sono fiorite e cresciute comunità di persone, che quotidianamente lavorano a grossi progetti, "costruendo una conoscenza condivisa" a disposizione di chiunque voglia utilizzarla. Progetti come Linux, Openoffice, Darwin, hanno introdotto una nuova metodologia di collaborazione, creando delle vere e proprie "comunità di apprendimento" impegnate a condividere risorse intellettuali e conoscitive. Siamo di fronte ad un nuovo modo di costruire la conoscenza, svincolato da logiche campanilistiche ed economiche che prende il nome di "Open-Source". Come avviene questa "collaborazione intellettuale"? Cosa accade al singolo utente che cerca informazioni sul Web? Attraverso quali strumenti? Quali regole? È possibile progettare uno strumento che agevoli la costruzione di questa conoscenza condivisa? E soprattutto, è possibile definire un "modello teorico" che rappresenti il processo di costruzione della conoscenza basato sul medium Internet? Sicuramente la complessità del tema richiederà approfondimenti futuri, il presente studio ha lo scopo di capire questa realtà nelle sue linee generali utilizzando un approccio cibernetico. In particolare adotterò il concetto di "intelligenza collettiva" proposto da Pierre Lèvy (Lèvy, 1994) integrandolo con la teoria dei sistemi cibernetici, al fine di proporre un modello applicabile al processo di costruzione della conoscenza. L'intuizione di Lèvy viene sviluppata ed integrata con il ricorso alla teoria dei sistemi (Bertalanffy, 1969), con particolare riferimento ai sistemi cibernetici (Weiner, 1965) impiegati nel paradigma mentale proposto da Bateson (Bateson, 1979). Il risultato di questa operazione è un modello denominato Web Open Knowledge System (WOKS), ovvero un sistema per l'analisi della conoscenza costruita in un ambiente "virtuale" quale quello costituito dalla rete Internet. Il primo capitolo, Sistemi e Conoscenza, è un'introduzione alla teoria dei sistemi ed alle sue relazioni con l'epistemologia che ha lo scopo di delineare come è possibile utilizzare i modelli cibernetici, ed in particolare quello proposto da Bateson, per analizzare le tematiche relative alla costruzione della conoscenza. Il capitolo successivo, La comunicazione su Internet, delinea le caratteristiche principali di Internet quale sistema di comunicazione. Descrivendo le caratteristiche tecniche, le implicazioni sociali e psicologiche introdotte da questo "New media", si vuole dimostrare come, grazie ad esso, sia sorto un fenomeno del tutto originale denominato intelligenza collettiva. Il terzo capitolo, Il modello dell'intelligenza Collettiva, è il fulcro centrale della tesi. In esso viene definito il modello formale WOKS e sono descritti gli strumenti che lo caratterizzano. Una particolare attenzione è riservata al Forum telematico, un sistema di comunicazione che fonde alcune caratteristiche del dialogo orale con altre del testo scritto creando un sistema ibrido, fondamentale per il funzionamento dell'intelligenza collettiva. Nel quarto capitolo, Il fenomeno Open Source, viene verificata la consistenza del modello proposto applicandolo all'analisi delle comunità virtuali dedite allo sviluppo del software "Open Source". Le comunità che condividono la filosofia "open", vale a dire l'approccio alla programmazione del software che garantisce la divulgazione delle informazioni (codice sorgente) necessarie a modificarlo, sono un esempio concreto dell'esistenza dell'intelligenza collettiva. Nell'ultimo capitolo, OpenKnowledge uno Strumento per la Collaborazione sul Web, viene proposto un software, appositamente sviluppato per la tesi, avente l'obiettivo di migliorare la collaborazione tra gli utenti impegnati nel perseguimento di un obiettivo. Il software in questione si pone come strumento d'integrazione al Forum telematico, insieme al quale, costituisce un sistema di negoziazione e memorizzazione della conoscenza in dinamica interazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Come avviene il processo di costruzione della conoscenza? Quali sono i meccanismi che regolano l'apprendimento? È possibile aumentare la nostra innata capacità di apprendere? Sono queste le domande che mi hanno spinto ad iscrivermi alla Facoltà di Scienze della Formazione, attratto dal fascino che la mente umana emana nel compiere le sue più alte attività intellettuali. La passione per la tecnologia e l'informatica poi, mi hanno indirizzato verso la ricerca di nuove metodologie formative che sfruttassero le potenzialità comunicative offerte dai nuovi media, in particolare di Internet. La scelta di un sistema di comunicazione reca con sé la necessità di un'analisi puntuale delle modalità con cui l'informazione è trattata e divulgata per suo tramite. Ogni mezzo di comunicazione, infatti, stabilisce in che modo devono essere interpretate le informazioni ed è, di per sé, già portatore d’informazione, indipendentemente dai contenuti dei messaggi che vi transitano. Spesso, tuttavia, persiste la tendenza a trasporre codici e modalità comunicative tipici di un medium in un altro medium ignorando che questo comporta un errato approccio alla comunicazione. "Il medium è il messaggio" sentenziava McLuhan (McLuhan, 1964). In questo slogan è racchiusa una profonda verità che impone, a quanti vogliono capire come avviene la comunicazione, di prestare una particolare attenzione al supporto che veicola l'informazione. Sul Web sono fiorite e cresciute comunità di persone, che quotidianamente lavorano a grossi progetti, "costruendo una conoscenza condivisa" a disposizione di chiunque voglia utilizzarla. Progetti come Linux, Openoffice, Darwin, hanno introdotto una nuova metodologia di collaborazione, creando delle vere e proprie "comunità di apprendimento" impegnate a condividere risorse intellettuali e conoscitive. Siamo di fronte ad un nuovo modo di costruire la conoscenza, svincolato da logiche campanilistiche ed economiche che prende il nome di "Open-Source". Come avviene questa "collaborazione intellettuale"?

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze dell'Educazione

Autore: Cristiano Caporali Contatta »

Composta da 213 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2436 click dal 03/11/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.