Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Oltre il neopositivismo e il relativismo: la proposta epistemologica di L. Laudan

Tesi che si propone di evidenziare, attraverso l'analisi del modello reticolare della giustificazione scientifica e il naturalismo normativo di L. Laudan, una proposta epistemologica che superi sia il modello tradizionale, neoempiristico o neopositivistico, sia le posizioni relativistiche sulla conosceinza scientifica.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione La stesura di questa ricerca è nata da un mio profondo interesse per le problematiche connesse con l’epistemologia contemporanea. Ciò che in particolare suscita la mia attenzione sono le profonde trasformazioni, verificatesi a partire dagli anni cinquanta e sessanta, in riferimento alla tradizionale immagine del sapere scientifico di impostazione neoempiristica e neorazionalistica. Mi riferisco in particolare agli effetti derivati dall’analisi di Kuhn sulla dinamica delle teorie scientifiche, dalla critica di Feyerabend alla logica della riduzione e dalla stessa idea quiniana del significato. Contro il privilegio della verità e dell’oggettività riservato ai linguaggi delle scienze, il dibattito più recente ha messo in evidenza che il significato dei termini e degli enunciati scientifici non può essere determinato in modo diretto e assoluto, a partire da una prospettiva esterna o da un linguaggio metateorico e neutrale, ma dipende dal contesto epistemico in cui ricorre e dallo sfondo culturale nel quale viene espresso. All’ammissione di tale dipendenza contestuale del significato, che è il cuore di quella che viene chiamata la concezione olistica del linguaggio scientifico, è legato il riconoscimento di un’analoga dipendenza contestuale dei criteri per il confronto fra gli scopi cognitivi perseguiti da sistemi teorici differenti e dei metodi per la scelta e la valutazione di teorie rivali. Da ciò emerge sia una varietà di prospettive, secondo l’idea dei molti mondi e delle molte verità, sia una varietà di standards valutativi, aventi ciascuno una propria interna validità.

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Massimo Giovannini Contatta »

Composta da 133 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2630 click dal 04/11/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.