Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'e-commerce nelle PMI del Friuli Venezia Giulia

L’espressione “New economy”, sempre più usata nel linguaggio quotidiano, indica i cambiamenti avvenuti nell’economia tradizionale grazie allo sviluppo e all’utilizzo delle Information and Communication Technologies (ICTs).
Il commercio elettronico o e-commerce è considerato il pioniere della New economy perché, grazie all’utilizzo della rete elettronica, rivoluziona gli schemi del commercio tradizionale, consentendo alle imprese di migliorare l’efficienza e la qualità dei propri servizi con una notevole riduzione dei costi. Questa evoluzione di tipo economico-aziendale, ha inizio nei primi anni ‘90 con la nascita del Business to Business (B2B), il commercio elettronico destinato alle aziende e del Business to Consumer (B2C), il commercio elettronico tra azienda e consumatore, ed è negli ultimi quattro - cinque anni che ha destato un grande interesse tra gli imprenditori, che stanno introducendo nelle loro aziende nuove tecnologie, per entrare nel virtuoso meccanismo della New economy e non essere tagliati fuori dal mercato.
L'Italia, storicamente arretrata in termini di infrastrutture informatiche, sta dimostrando di voler recepire la spinta che l'e-economy sta imprimendo all'economia mondiale e infatti ha avviato a vari livelli la macchina dell'e-commerce.
Lo studio condotto da questa tesi ha lo scopo di conoscere il grado di penetrazione e utilizzo del commercio elettronico nelle PMI del Friuli - Venezia Giulia, attraverso un’indagine condotta con l’ausilio di un questionario appositamente redatto, che ha interessato un campione di 162 aziende su oltre 1000 alle quali è stata richiesta una collaborazione per la realizzazione della tesi.
Nella prima parte della tesi si definisce il concetto di e-commerce e si affrontano i problemi inerenti lo studio del commercio elettronico, si osservano le dimensioni del fenomeno in termini statistici e le sue prospettive a livello nazionale e internazionale, si analizzano i modelli principali di e-commerce, si prendono in considerazione i processi di riorganizzazione dell’attività aziendale (interna ed esterna), i vantaggi e gli svantaggi per le aziende e si analizza infine il problema della sicurezza nelle transazioni online.
La seconda parte della tesi riguarda il fenomeno e-commerce nel Friuli - Venezia Giulia: si presentano i contenuti del questionario, la modalità di ricerca e selezione dei nominativi delle aziende alle quali è stato indirizzato e si descrive la modalità di elaborazione dati adottata.
In fase di analisi dei dati e descrizione dei risultati forniti dalle aziende campione delle quattro province, si è cercato di rilevare il grado di integrazione dell’e-commerce nelle aziende, i rapporti commerciali sviluppati nel contesto nazionale e/o internazionale; sono stati inoltre considerati aspetti quali: il settore di appartenenza; il fatturato aziendale; le nuove opportunità d’affari realizzate grazie agli strumenti della New economy; i vantaggi o gli svantaggi e infine il tipo di promozione che le aziende stanno adottando per la loro attività di e-commerce.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 Introduzione L’espressione “New economy”, sempre più usata nel linguaggio quotidiano, indica i cambiamenti avvenuti nell’economia tradizionale grazie allo sviluppo e all’utilizzo delle Information and Communication Technologies (ICTs). Il commercio elettronico o e-commerce è considerato il pioniere della New economy perché, grazie all’utilizzo della rete elettronica, rivoluziona gli schemi del commercio tradizionale, consentendo alle imprese di migliorare l’efficienza e la qualità dei propri servizi con una notevole riduzione dei costi. Questa evoluzione di tipo economico- aziendale, ha inizio nei primi anni ‘90 con la nascita del Business to Business (B2B), il commercio elettronico destinato alle aziende e del Business to Consumer (B2C), il commercio elettronico tra azienda e consumatore, ed è negli ultimi quattro - cinque anni che ha destato un grande interesse tra gli imprenditori, che stanno introducendo nelle loro aziende nuove tecnologie, per entrare nel virtuoso meccanismo della New economy e non essere tagliati fuori dal mercato. L'Italia, storicamente arretrata in termini di infrastrutture informatiche, sta dimostrando di voler recepire la spinta che l'e-economy sta imprimendo all'economia mondiale e infatti ha avviato a vari livelli la macchina dell'e-commerce. Lo studio condotto da questa tesi ha lo scopo di conoscere il grado di penetrazione e utilizzo del commercio elettronico nelle PMI del Friuli - Venezia Giulia, attraverso un’indagine condotta con l’ausilio di un questionario appositamente redatto, che ha interessato un campione di 162 aziende su oltre 1000 alle quali è stata richiesta una collaborazione per la realizzazione della tesi. Nella prima parte della tesi si definisce il concetto di e-commerce e si affrontano i problemi inerenti lo studio del commercio elettronico, si osservano le dimensioni del fenomeno in termini statistici e le sue prospettive a livello nazionale e internazionale, si

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Alessandro Mastromonaco Contatta »

Composta da 121 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3524 click dal 08/11/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.