Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I contratti telematici e la tutela del consumatore

La tesi ha ad oggetto la disciplina giuridica del commercio elettronico, in special modo si occupa dei contratti conclusi on-line dai consumatori, per l'appunto definiti b2c.Peculiarità della tesi è il tema della tutela del cd. consumatore elettronico. La tesi si articola in 3 capitoli.
il primo capitolo intitolato "Il commercio elettronico:profili generali" contiene la ricostruzoine della storia normativa del fenomeno in discorso. le coordinate normative poste sullo sfondo sono costituite dalla direttiva comunitaria 2000/31/Ce e dalla normativa nazionale di attuazione D.Lgs 70/2003.
il secondo capitolo, intitolato "I contratti telematici", verte sull'analisi della figura giuridica dell'accordo telematico e sull'inquadramento della relativa disciplina. L'indagine segue i diversi momenti attraverso cui la fattispecie negoziale viene in essere ed esplica i suoi effetti: a)fase prenegoziale;b)formazione del consenso; c)esecuzoine del contratto;d)patologia.
il terzo capitolo è intitolato "la tutela del consumatore elettronico". nel quadro di un'attenta ricostruzoine ed analisi della normativa comunitaria e nazionale si affrontano le complesse problematiche che attengono alla tutela del contraente debole nell'ambito di rapporti economici instaurati secondo tecniche di negoziazione di per se stesse idonee ad accentuare le situazoini di squilibrio esistenti tra le posizioni delle parti nei fenomeni contrattuali di massa

Mostra/Nascondi contenuto.
2 1.1 Origine storica e definizione del commercio elettronico La seconda metà del XX secolo è stata teatro di quella che si può definire una vera e propria rivoluzione telematica: il computer ha reso possibile compiere, in tempi e modi impensabili per l’uomo, svariate attività. Tuttavia lo sfruttamento economico-commerciale della Rete è un fenomeno relativamente recente. Internet infatti, nasce in ambienti militari ed accademici intorno al 1969, e si sviluppa rapidamente come strumento di comunicazione, prima scientifica e poi interpersonale. Solo negli ultimi anni si è affermato l’e-commerce, ossia il commercio elettronico. Lo scambio di beni e servizi in via telematica costituisce a tutti gli effetti giuridici esercizio di una attività commerciale. L’espressione “commercio elettronico” non è però una nozione giuridica, ma nasce nel mondo economico per definire proprio quegli scambi di beni e di servizi che avvengono in modo “virtuale”. D. kaplan, vice presidente della sezione francese dell’Internet Society, propone due definizioni di commercio elettronico una ristretta ed una ampia. Secondo la prima il “commercio elettronico designa l’insieme degli scambi commerciali nei quali l’acquisto viene effettuato su una rete di telecomunicazioni”. Nella seconda l’autore include “l’insieme degli usi commerciali, ivi compresi quelli nei quali un’impresa presenta i propri prodotti ma l’ordine si effettua altrove”.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Rosa Carlino Contatta »

Composta da 131 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 13694 click dal 08/11/2004.

 

Consultata integralmente 64 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.