Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il ritmo del ''farsi dire'' in Carmelo Bene

Si può distinguere in due fasi la parabola artistica di Carmelo Bene: quella pre-amplificata e quella della strumentazione fonica, della macchina attoriale.Noi ci soffermeremo sull'ultima stagione del teatro beniano, quella della phonè e del superamento dell'io al di là del desiderio.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO I Carmelo Bene verso l’amplificazione …prima di morire vorrei udire di nuovo quella voce che era la mia musica (Carmelo Bene, Manfred) 1. 1 Il Manfred di Carmelo Bene Si può distinguere in due fasi la parabola artistica di Carmelo Bene: quella pre-amplificata e quella della strumentazione fonica, della macchina attoriale. Noi ci soffermeremo sull’ultima stagione del teatro beniano, quella della phonè e del superamento dell’io, al di là del desiderio. Giunto ad un certo punto della propria carriera, Bene sembra non accontentarsi più di un’estetica della totalità frustrata di un teatro in cui le forme del presente perdono l’involucro, per mostrare che dietro la maschera non c’è il volto, ma un travestimento che rimanda iperbolicamente a nuove finzioni fino a svelare “l’orgia insensata di simulacri” che pervade e anima la contemporaneità. Quando sceglie di

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Maria Teresa Tinto Contatta »

Composta da 82 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4528 click dal 08/11/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.