Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tra forma e simbolo: l'inviolato in psicoanalisi

Nell'elaborato si è cercato di approfondire la tematica del non pensabile in psicoanalisi, fondamento per l'instaurazione dello psichismo tra funzioni tautologiche e contradditorie, tra la funzione di forma, come viene approfondita dal prof. Chiereghin, e quella di simbolo che ci è stata lasciata da Platone nel Simposio.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Prefazione “…E’ probabilmente vero in linea di massima che nella storia del pensiero gli sviluppi più fruttuosi avvengono frequentemente in quei punti d’interferenza fra due linee di pensiero. Queste linee possono avere le loro radici in parti assolutamente diverse della cultura umana…” 1 . Questa frase di Heisenberg dal mio canto è applicabile a qualsiasi campo della conoscenza umana, che sia questa riferita ai fenomeni subatomici o a quella che chiamiamo psiche. Ma cosa intendiamo dire quando parliamo di psiche? In questi casi, per dare una spiegazione, si tenta di trascendere il linguaggio con il linguaggio stesso creando imbarazzi epistemologici non di lieve portata. Tutto ciò è vero se consideriamo il linguaggio un limite invalicabile, perché spesso confondiamo il suo essere mezzo con la più ampia comunicazione. L’essere interlocutori o avere la possibilità per diventarlo può aprire una porta per raccogliere qualcosa che va oltre il solo significato semantico, portando con sé l’affettività dell’incessante comunicazione con l’ambiente. Poesia e arte, le parole dette e non-dette, permangono nella psiche costituendo modalità di comunicazione che vanno oltre il mero contenuto; restituendo significati affettivi. L’indagare ciò ci prospetta di fronte a quadri simili a quelli del fisico davanti ai fenomeni subatomici, ci troviamo ad osservare una natura che procede per salti, inquadrando al suo interno interstizi sui quali non sarebbe giusto neanche affermare che al loro interno succeda qualcosa. 1 Heisenberg W. “Fisica e Filosofia” Net Milano 2003 pag. 218

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Francesco Sinatora Contatta »

Composta da 44 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2645 click dal 10/11/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.