Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'anatocismo bancario

Oggetto dello studio è il fenomeno giuridico dell'anatocismo, ed in particolare l'anatocismo bancario, quello cioè "forgiato" dalla prassi e dalla consuetudine bancaria.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Oggetto dello studio è il fenomeno giuridico dell’anatocismo, ed in particolare l’anatocismo bancario, quello cioè “forgiato” dalla prassi e dalla consuetudine bancaria; anatocismo bancario che esula, seppur indirettamente previsto in base all’incipit dell’art. 1283 codice civile (che prevede una deroga alla disciplina legale qualora diversamente disposto da usi normativi), dalle forme di anatocismo previste e richiamate dal codice civile, e sembra violare, almeno in alcuni dei suoi aspetti, il disposto imperativo dettato dall’art. 1283 c.c. Anatocismo bancario quale istituto atipico, non direttamente previsto dal legislatore, che trova applicazione nell’ambito del contratto di conto corrente bancario, inteso quale contratto “base” per poter accedere ai vari servizi bancari; contratto dal cui esame sembra lecito ed opportuno non esimersi, al fine di poter condurre una completa ed esauriente ricerca dell’anatocismo bancario, fenomeno strettamente collegato al conto corrente bancario, nel cui ambito produce i suoi effetti. L’analisi dedicata al conto corrente bancario, considera i profili essenziali del contratto di conto corrente, ponendo particolare attenzione agli aspetti inerenti alla natura giuridica e alla disciplina legale dello schema contrattuale. Argomenti che, non avendo ricevuto una precisa disciplina codicistica, hanno rappresentato, in passato, terreno fertile per le argomentazioni giurisprudenziali e dottrinali. La ricerca si prefigge di analizzare successivamente l’aspetto “attivo” del conto corrente bancario, costituito dall’attività creditizia delle banche, attività che si realizza mediante l’utilizzo di vari strumenti finanziari, ponendo l’accento sulla pratica degli interessi bancari e analizzando il controverso e discusso fenomeno giuridico dell’anatocismo. L’attività creditizia delle banche ricopre un ruolo di assoluta importanza socio- economica; attività che ha destato negli ultimi anni l’attenzione del legislatore italiano, che ha inciso in modo determinante, regolamentando e modificando l’esercizio di tale attività.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Marco Villa Contatta »

Composta da 113 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8254 click dal 11/11/2004.

 

Consultata integralmente 41 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.