Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Lo sviluppo dei prodotti cosmetici a base naturale: applicazioni nel comparto delle Beauty Farms.

Il presente elaborato ha l’obiettivo di analizzare il “fenomeno” delle applicazioni dei prodotti naturali alla Cosmesi e al Well-Being; la prospettiva seguita è quella del Marketing.
E’ sempre più facile imbattersi in articoli e servizi, più o meno specialistici, che fanno riferimento a temi quali quello della “Cosmesi naturale”, tra cui, in particolare, la “Vinoterapia”, così come impropriamente viene appellata. Non risulta altrettanto semplice, però, trovare testi specifici che affrontino l’argomento in termini teorici ed applicativi. Ciò non toglie che tale campo risulti sempre più oggetto di applicazione del Marketing, anche se, per sue caratteristiche intrinseche, si tratta di un Marketing che potrebbe essere definito “atipico” rispetto a quello “tradizionale” dei beni di largo consumo.
A fare da contesto (e con molta probabilità anche da concausa) allo sviluppo di tale “fenomeno” sono i cambiamenti nell’ambito della domanda del consumatore. La saturazione dei bisogni di base è andata quasi di pari passo con una forte crescita d’importanza dei bisogni a carattere psico-sociologico. Ecco perché, può essere opportuno che il presente testo prenda le mosse da una breve rassegna delle attuali esigenze dei consumatori, all’interno di un concetto più ampio di Psicologia di Marketing.
Tale trattazione non può eludere dal considerare la crescente attenzione rivolta al Prodotto Bio-Ecologico, anche se è di uso comune il termine “Prodotto Verde”. Ne deriva una responsabilità delle Imprese in termini di impiego di materie prime, imballaggi, tecniche di produzione e non solo, che devono risultare a basso impatto ambientale ed in grado di tutelare la salute del consumatore. Solo quando le aziende produttrici di cosmetici rispettano veramente tali canoni e impiegano materie prime biologiche si potrà parlare di cosmetico bio-ecologico. La scelta di tale tipo di produzione diventa parte integrante della Etica di base ed è solitamente fatta emergere dall’enucleazione della missione strategica dell’azienda.
Il panorama delle imprese che offrono cosmetici naturali risulta molto vario ed è indispensabile un’analisi generale del settore nel quale tale offerta si colloca.
Nel comparto dei cosmetici completamente naturali operano imprese che, per loro attività principale, appartengono a settori molto diversi tra loro: erboristerie, agriturismo (che offrono i propri cosmetici completamente naturali in aggiunta agli altri prodotti tipici e biologici), aziende del settore cosmetico, che hanno scelto di differenziarsi introducendo una linea cosmetica non soltanto additivata con componenti naturali, e Beauty Farms, aziende appartenenti al settore del benessere. La scelta è quella di porsi nell’ottica di queste ultime, al fine di individuare gli aspetti teorici ed applicativi del processo di sviluppo del prodotto cosmetico bio-ecologico e le politiche di Marketing di tali aziende.

Mostra/Nascondi contenuto.
IV PREMESSA Il presente elaborato ha l’obiettivo di analizzare il “fenomeno” delle applicazioni dei prodotti naturali alla Cosmesi e al Well-Being; la prospettiva seguita è quella del Marketing. E’ sempre più facile imbattersi in articoli e servizi, più o meno specialistici, che fanno riferimento a temi quali quello della “Cosmesi naturale”, tra cui, in particolare, la “Vinoterapia”, così come impropriamente viene appellata. Non risulta altrettanto semplice, però, trovare testi specifici che affrontino l’argomento in termini teorici ed applicativi. Ciò non toglie che tale campo risulti sempre più oggetto di applicazione del Marketing, anche se, per sue caratteristiche intrinseche, si tratta di un Marketing che potrebbe essere definito “atipico” rispetto a quello “tradizionale” dei beni di largo consumo. A fare da contesto (e con molta probabilità anche da concausa) allo sviluppo di tale “fenomeno” sono i cambiamenti nell’ambito della domanda del consumatore. La saturazione dei bisogni di base è andata quasi di pari passo con una forte crescita d’importanza dei bisogni a carattere psico-sociologico. Ecco perché può essere opportuno che il presente testo prenda le mosse da una breve rassegna delle attuali esigenze dei consumatori, all’interno di un concetto più ampio di Psicologia di Marketing. Tale trattazione non può eludere dal considerare la crescente attenzione rivolta al Prodotto Bio-Ecologico, anche se è di uso comune il termine “Prodotto Verde”. Ne deriva una responsabilità delle Imprese in termini di impiego di materie prime, imballaggi, tecniche di produzione e non solo, che devono risultare a basso impatto ambientale ed in grado di tutelare la salute del consumatore. Solo quando le aziende produttrici di cosmetici rispettano veramente tali canoni e impiegano materie prime biologiche si potrà parlare di cosmetico bio-ecologico. La scelta di tale tipo di produzione diventa parte integrante della Etica di base ed è solitamente fatta emergere dall’enucleazione della missione strategica dell’azienda. Il panorama delle imprese che offrono cosmetici naturali risulta molto vario ed è indispensabile iniziare con un’analisi generale del settore nel quale tale offerta si colloca. Nel settore dei cosmetici naturali si trovano imprese che hanno optato per una strategia di differenziazione rispetto alla “Cosmesi tradizionale” (realizzando prodotti ecologici); si tratta, però, pur sempre, di cosmetici soltanto additivati con un

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Romina Pellegrini Contatta »

Composta da 65 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10254 click dal 16/11/2004.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.