Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il principio di sussidiarietà nel sistema delle autonomie locali

La tesi in oggetto si prefigge di affrontare il tema dell'applicazione del principio di sussidiarietà nel sistema delle autonomie locali. In specifico, nella ripartizione interna al sopra citata principio, l'elaborato affronta l'applicazione verticale dello stesso, quale sistema di organizzazione dell'apparato amministrativo e statale, con discesa sugli enti territoriali di base

Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE Il complessivo riassetto dei poteri e dei rapporti esistenti in Italia tra Stato centrale, Regioni ed Enti Locali è stato profondamente riformato nel corso della XIII legislatura dall’approvazione, da parte del Parlamento, della legge 15 marzo 1997, n. 59, della legge 15 maggio 1997, n. 127 e della legge 16 giugno 1998, n. 191. Queste leggi, denominate leggi Bassanini (dal nome del Ministro della Funzione Pubblica che ne guidò l’approvazione, l’On. Franco Bassanini) hanno rappresentato il primo serio tentativo compiuto dal conseguimento dell’Unità della nostra Nazione, di procedere nella direzione di un modello di Stato fondato su un sistema decentrato e federalistico di governo della cosa pubblica. Alla base del nuovo modello attuato dalle cd. leggi Bassanini si colloca il principio di sussidiarietà, principio di derivazione europeistica che si ispira ad una ripartizione logica ed organica della gestione della cosa pubblica. I numerosi interventi compiuti dai vari legislatori, che verranno specificamente considerati in questo lavoro, pur procedendo sulla strada dell’attribuzione di deleghe e funzioni in favore degli enti territoriali periferici, mancavano infatti di una effettiva organicità e di una reale omogeneità logica. I primi anni di vita del nuovo ordinamento repubblicano furono caratterizzati da un severo centralismo istituzionale, che si opponeva ad ogni ipotesi di decentramento e di valorizzazione delle autonomie locali. Si trattava per lo più dell’affermazione, in capo alla classe dirigente dell’epoca, di una vera e propria cultura amministrativa e politica, incapace di intuire l’utilità, quand’anche non la necessità, di procedere nella direzione di una decongestione dell’apparato centrale dello Stato in favore delle autonomie territoriali e funzionali. Solo il mutare del clima generale e la sensibile crescita di consenso delle forze politiche antisistema, che

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Galeazzo Bignami Contatta »

Composta da 322 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9164 click dal 03/12/2004.

 

Consultata integralmente 38 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.