Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Strumenti di investimento nel mercato azionario europeo: un confronto tra Fondi di investimento ed ETF

All’investitore retail che desidera assumere un’esposizione all’azionario europeo, i mercati finanziari presentano un’ampia offerta di possibili investimenti tra cui scegliere. Tipicamente, le principali soluzioni adottate si concretizzano o nella replica di un indice di mercato (o di un set di indici, opportunamente costruito dall’investitore in funzione dei suoi obiettivi e caratteristiche) o nell’acquisto di quote di Fondi comuni di investimento che operano sui titoli dell’azionario europeo.
Nel mercato finanziario, la via della replica di un indice è percorribile in almeno quattro modi, acquistando:
1. tutte le azioni che compongono l’indice scelto, nella quantità con cui lo compongono;
2. Futures sull’indice scelto;
3. quote di un Fondo d’Investimento indicizzato al mercato azionario di riferimento;
4. quote-azioni di un Exchange Traded Fund (ETF) costruito sull’indice di mercato scelto.
Nella presente relazione, si cercherà di capire, attraverso un’analisi ex-post delle performance, quale tra gli strumenti citati possa essere ottimale per l’investitore. Nello specifico, si confronteranno i valori di performance, rischiosità e costi espliciti di un selezionato set di strumenti, attraverso la loro collocazione nello spazio rischio – rendimento.
Il problema della rappresentatività (o del grado di rappresentatività) del mercato azionario europeo da parte di un indice, e dell’aderenza della gestione di un Fondo al portafoglio del benchmark dichiarato, non sono considerati nel presente lavoro. Pertanto, si presume che un Fondo azionario europeo e un indice del mercato azionario europeo siano sufficientemente rappresentativi del mercato di riferimento dell’investitore, indipendentemente dal numero, dalla capitalizzazione o dal settore di appartenenza degli emittenti presenti nel portafoglio del Fondo e/o dell’indice. Per la stessa ragione, non rileva lo stile di gestione, attiva o passiva, adottato dal gestore del Fondo.

Mostra/Nascondi contenuto.
SEZIONE 1 3 SEZIONE 1: OBIETTIVO DELLA RELAZIONE E SELEZIONE DEGLI STRUMENTI OBIETTIVO DELLA RELAZIONE All’investitore retail che desidera assumere un’esposizione all’azionario europeo, i mercati finanziari presentano un’ampia offerta di possibili investimenti tra cui scegliere. Tipicamente, le principali soluzioni adottate si concretizzano o nella replica di un indice di mercato (o di un set di indici, opportunamente costruito dall’investitore in funzione dei suoi obiettivi e caratteristiche) o nell’acquisto di quote di Fondi comuni di investimento che operano sui titoli dell’azionario europeo. Nel mercato finanziario, la via della replica di un indice è percorribile in almeno quattro modi, acquistando: 1. tutte le azioni che compongono l’indice scelto, nella quantità con cui lo compongono; 2. Futures sull’indice scelto; 3. quote di un Fondo d’Investimento indicizzato al mercato azionario di riferimento; 4. quote-azioni di un Exchange Traded Fund (ETF) costruito sull’indice di mercato scelto. Nella presente relazione, si cercherà di capire, attraverso un’analisi ex-post delle performance, quale tra gli strumenti citati possa essere ottimale per l’investitore. Nello specifico, si confronteranno i valori di performance, rischiosità e costi espliciti di un selezionato set di strumenti, attraverso la loro collocazione nello spazio rischio – rendimento. Il problema della rappresentatività (o del grado di rappresentatività) del mercato azionario europeo da parte di un indice, e dell’aderenza della gestione di un Fondo al portafoglio del benchmark dichiarato, non sono considerati nel presente lavoro. Pertanto, si presume che un Fondo azionario europeo e un indice del mercato azionario europeo siano sufficientemente rappresentativi del mercato di riferimento dell’investitore, indipendentemente dal numero, dalla capitalizzazione o dal settore di appartenenza degli emittenti presenti nel portafoglio del Fondo e/o dell’indice. Per la stessa ragione, non rileva lo stile di gestione, attiva o passiva, adottato dal gestore del Fondo.

Tesi di Master

Autore: Oscar Alessandro Maffioletti Contatta »

Composta da 46 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3912 click dal 23/11/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.