Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il traffico degli esseri umani

L’espressione “traffico internazionale degli esseri umani” indica, genericamente, tutte le forme di attività criminose che si fondano sul trasferimento, apparentemente legale o totalmente illegale, di persone da uno Stato all’altro. In tale locuzione sono ricomprese due situazioni distinte: il trafficking e lo smuggling.
Nella tesi vengono analizzate le due forme con particolare riferimento alla normativa internazionale (Convenzione di Palermo e Protocolli Aggiunti) e alla normativa italiana, mediante l'analisi della dottrina e giurisprudenza.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 1. INTRODUZIONE E DEFINIZIONE DI "TRAFFICO DEGLI ESSERI UMANI" L’espressione “traffico internazionale degli esseri umani” indica, genericamente, tutte le forme di attività criminose che si fondano sul trasferimento, apparentemente legale o totalmente illegale, di persone da uno Stato all’altro. In tale locuzione sono ricomprese due situazioni distinte. Da un lato si trova il “traffico” (in Italia chiamato soprattutto “tratta”) finalizzato allo sfruttamento delle persone che ne sono oggetto e che trova la sua definizione nella formula inglese trafficking in human beings. Dall’altro lato si trova il favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, identificato con l’espressione inglese Smuggling of migrants (letteralmente “contrabbando di migranti”). Tale distinzione di due species nel genus “tratta o traffico” si è imposta, inizialmente, in relazione alla ripartizione dei compiti operativi nella prassi di organi investigativi nazionali ed internazionali, oltreché per comodità descrittive. Tuttavia questa distinzione successivamente è stata fatta propria da strumenti normativi internazionali e nazionali. È necessario, però, sottolineare che a tutt’oggi è difficile individuare una definizione internazionalmente accettata di traffickinge/o di smuggling. Infatti dato il coinvolgimento di un numero elevato di organizzazioni ed agenzie nella analisi e nello studio di tale fenomeno la confusione dilaga.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Roberta Maggio Contatta »

Composta da 189 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10788 click dal 26/11/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.