Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La dispersione scolastica nel comune di Rende

Lo scopo della nostra indagine è quello di misurare, all’interno di un contesto territoriale locale come quello del comune di Rende, il modo in cui la scuola media dell’obbligo riesce a proporsi come elemento di regolazione sociale, in un periodo storico in cui i processi di modernizzazione generano fenomeni di deregolazione della società.
Nel campo dell’analisi socio-territoriale è ormai matura la convinzione che a seguito dei mutamenti in atto nel corpo sociale ed economico, le forme d’integrazione siano profondamente mutate nel corso degli ultimi venti anni. La notevole frammentazione delle domande, le specificità locali delle condizioni e dei modelli di regolazione sociale, l’emergere di nuove forme di famiglia o di nuovi bisogni si sommano a domande più tradizionali ancora sostanzialmente insoddisfatte.
I processi di modernizzazione se non sono accompagnati da processi di ridistribuzione delle risorse, possono avere effetti disgregativi per l’ordine sociale. In altre parole, se lo sviluppo non coinvolge in modo uniforme la struttura sociale esistente, si creano conflitti e s’innescano processi di marginalizzazione per quelle fasce di popolazione che non riescono ad integrarsi nel nuovo sistema emergente.
L’assenza di processi di regolazione del cambiamento, provoca l’aggravarsi dell’esclusione sociale. In questo processo la scuola si colloca come importante agenzia di regolazione.
Compito del nostro lavoro è, appunto, lo studio di quest’aspetto integrativo che la scuola svolge allo scopo di mitigare le discontinuità del sistema.
In sintesi, le domande alle quali ci proponiamo di rispondere con questa nostra indagine sulla scuola dell’obbligo sono: esistono a Rende fenomeni di deregolazione e di marginalità? Qual è la consistenza della dispersione scolastica in un territorio che mostra evidenti segni di modernizzazione? Quali sono le caratteristiche del meccanismo selettivo della scuola e, soprattutto, chi ne è direttamente coinvolto?

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il sistema scolastico, nato con l’industrializzazione, è un’istanza fondamentale di orientamento che indirizza i movimenti degli individui, differenziandone la loro posizione all’interno del sistema sociale. La funzione sociale essenziale della scuola consiste, principalmente, di accertare tramite meccanismi propri ed interni riconosciuti legittimi, le capacità intellettive e morali degli alunni e, secondariamente, di selezionare i migliori per promuoverli verso posizioni sociali che corrispondono alle loro capacità. Con quest’azione di prova, di selezione, di distribuzione, in altre parole di filtro degli individui, viene regolato l’agire

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Paolo Mazzei Contatta »

Composta da 93 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3359 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.