Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La formazione nei processi di cambiamento organizzativo. Il caso Inps

la tesi si compone di tre parti. La prima in cui vengono descritti diversi modelli di cambiamento organizzativo. La seconda tratta della formazione in generale e poi in particolare della formazione a supporto dei cambiamenti organizzativo. Nell'ultima parte viene analizzato il cambiamento implementato in Inps e l'attività di formazione dell'Istituto.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO I IL CAMBIAMENTO ORGANIZZATIVO 1.1 Introduzione al cambiamento organizzativo La realtà sociale ed organizzativa odierna è caratterizzata dal cambiamento. Il cambiamento è una costante della nostra vita e tuttavia affrontare e gestire i cambiamenti risulta spesso un processo complesso e pieno di difficoltà. In tutte le scienze umane la definizione di cambiamento è un’operazione complessa. Nella cultura contemporanea si tende ad una valutazione complessivamente positiva del cambiamento. Nessuno oggi esalta le forme sociali statiche ed immutabili. Il cambiamento va dalla mutazione finalizzata da una meta e controllabile dall’uomo, alla rottura dell’equilibrio alla mutazione non finalizzata e incontrollabile. 1 Con questa definizione il cambiamento assume un volto ambiguo che non si può più definire positivo o negativo. Si pongono quindi alcune domande fondamentali su cosa sia alfine il cambiamento, sul perché sia un’evenienza inevitabile e fino a che punto sia positivo. Le possibili risposte si inseriscono in tre filoni principali: il filone sistemico, il filone rivoluzionario e il filone psicoanalitico. Nell’approccio sistemico le organizzazioni vengono viste come sistemi. Un sistema può essere definito come un insieme di elementi differenziati connessi tra loro che può mantenere identità e coerenza attraverso le modifiche che subisce. Esso è definito aperto quando si trova in relazione con altri sistemi; viceversa è chiuso se è impenetrabile alle influenze degli altri sistemi e tutte le modifiche che lo concernono sono riconducibili a meccanismi delle sue componenti interne. I sistemi sociali, e quindi anche le organizzazioni, presentano sia le caratteristiche dei sistemi chiusi, perché tendono a preservare la loro identità e coerenza 1 P. Muti, Organizzazione e formazione, Angeli, Milano, 1988

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Roberta Palombo Contatta »

Composta da 193 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7632 click dal 29/11/2004.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.