Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Eccesso di potere nel delitto di abuso d'ufficio e la sorte del peculato per distrazione

La tesi si occupa prevalentemente delle ultime modifiche legislative apportate al delitto di abuso d'ufficio esaminandone pertanto l'attuale struttura. Particolare attenzione viene inoltre riservata alla questione concernenete la possibilitàrelativa al fatto che l'eccesso di potere possa integrare una violazione di legge rilevante ai sensi dell' Art. 323 C.P.
Questa tesi ha il merito di affrontare, sotto il profilo della successione delle norme penali nel tempo, la problematica riguardante la rilevanza penale delle condotte un tempo integranti la fattispecie del peculato per distrazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
Eccesso di potere nel delitto di abuso d’ufficio e la sorte del peculato per distrazione 3 CAPITOLO PRIMO ECCESSO DI POTERE: VIZIO FUNZIONALE DELL’ATTIVITÁ AMMINISTRATIVA Sommario: 1.1 Eccesso di potere e discrezionalità amministrativa – 1.2 Origine dell’eccesso di potere ed elaborazione giurisprudenziale delle figure sintomatiche – 1.3 Violazione di legge ed eccesso di potere – 1.4 Tutela giurisdizionale del privato nei confronti dell’atto viziato da eccesso di potere. 1.1 Eccesso di potere e discrezionalità amministrativa La nozione di discrezionalità amministrativa è stata creata dalla giurisprudenza, soprattutto attraverso la configurazione del vizio di eccesso di potere; essa esprime più precisamente, l’esigenza di garantire la legittimità sostanziale dell’azione amministrativa e dunque evitare l’arbitrio nelle scelte dell’autorità sempre possibile pur nel rispetto formale della legge. [ Cerulli Irelli, Torino Giappichelli 2000 (1) ] La dottrina tradizionale definisce la discrezionalità come la facoltà di scelta tra più comportamenti giuridicamente leciti per il soddisfacimento dell’interesse pubblico e per il perseguimento del fine rispondente alla causa del potere esercitato.[Virga P., Milano, Giuffrè 2001 (2) ] Dal punto di vista della norma, la discrezionalità amministrativa è individuabile ogni qual volta la legge, sul presupposto che l’interesse pubblico possa essere meglio tutelato affidando la definizione della regola del caso concreto all’organo alla cui cura esso è preposto, si astiene dal disciplinare puntualmente il contenuto di attività giuridicamente rilevanti. In quest’ottica sono elementi costitutivi della discrezionalità:

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Paola Crivello Contatta »

Composta da 50 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5481 click dal 30/11/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.