Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le sfide dell'Unione Europea

Da Nizza a Roma. Una ricostruzione socio-giuridico-politica del percorso che ha condotto fino al Trattato-Costituzione di Roma, passando per la Carta dei diritti di Nizza e le principali teorie giuridiche e costituzionali, senza tralasciare uno sguardo sui confini dell'allargamento dell'Unione Europea verso Est e il Mediterraneo e il suo ruolo nel nuovo contesto geopolitico.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE Da Roma a Roma. Dal 25 marzo 1957 al 29 ottobre 2004. A distanza di quarantasette anni il cammino dell’attuale Unione Europea si è ricongiunto con i luoghi dove ebbe avvio con i Trattati istitutivi della CEE e dell’Euratom. Identica Sala, quella degli Orazi e Curiazi in Campidoglio, differente addobbo paesaggistico. Non soltanto per le opposte condizioni climatiche, pioggia battente la prima volta, solare appendice di una calda estate la seconda. Soprattutto per la Roma paralizzata e blindata del venerdì ottobrino, sottratta alla curiosità di cittadini e turisti (e alle contestazioni). Una città “eterna” anche perché immortalata dalle telecamere in un’aerea sospensione della propria storia, premessa ritenuta necessaria per conferire un quid pluris di solennità a un evento da costruire sapientemente come tale. Folla di forze dell’ordine nel 2004, là dove si era accalcata una folla di ombrelli nel 1957 per cercare di comprendere che cosa davvero fosse quel Trattato sostanzialmente nato alcuni anni prima, dalla lungimirante proposta di Schuman, immaginata come passo di collaborazione economica nel segno della pace, della metabolizzazione degli orrori della Seconda guerra mondiale, mantenendo viva la memoria con un inedito ripensamento delle prerogative statali. Era trascorso un arco di tempo storico assai breve da quel 1941 in cui il sudario di un Reich che si proclamava millenario si stendeva, mortifero, su tutta l’Europa. Ma era anche un lasso di tempo che concretizzava, tradendone in parte l’ispirazione, un embrione di quel visionario Manifesto di Ventotene scritto da Altiero Spinelli con la collaborazione di Eugenio Colorni ed Ernesto

Tesi di Dottorato

Dipartimento: D.A.P.P.S.I.

Autore: Alessandro Lattarulo Contatta »

Composta da 438 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9877 click dal 01/12/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.