Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La crisi del Guatemala, tra guerra fredda e multinazionali. La guerra rivisitata da internet

Questa tesi tratta della crisi del 1954 in Guatemala, dove il Governo legittimamente eletto di Arbenz viene destituito tramite un golpe. Dietro questo fatto molti sono gli interessi e molto il non detto...siamo in piena guerra fredda e le multinazionali si stanno sempre espandendo. Gli Stati Uniti non possono stare a guardare con le mani in mano a pochi km da casa loro. La mia è una visione di uno dei fatti più discussi della politica internazionale, dove gli equilibri di potenza tra due grandi super potenze tirano in ballo anche piccole realtà. La Rete dà nuove visioni e nuove argomentazioni, quindi attraverso Internet si analizza meglio ciò che è accaduto in quel periodo nell'America Latina.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE “It is important that I state clearly that support for military forces or intelligence units which engaged in violent and widespread repression of the kind described in the report was wrong. […] And the United States must not repeat that mistake. We must, and we will, instead continue to support the peace and reconciliation process in Guatemala.” Bill Clinton, 11 Marzo 1999 Nei primi anni ’50 in Guatemala il Governo legittimamente eletto di Jacobo Arbenz fu rimosso attraverso un golpe condotto dall’esule militare guatemalteco Castillo Armas. Il Governo del Guatemala venne bollato come comunista e sotto l’influenza di Mosca, poiché il presidente Arbenz aveva attuato una politica riformista che dava una svolta progressista al suo paese. In particolare, la riforma agraria andava a ledere gli interessi della multinazionale delle banane, la United Fruit Co. (UFCo.) che tanto aveva fatto per la modernizzazione del paese, espropriandole le terre e ridandole alla popolazione. Questa situazione di tensione – con le accuse da parte degli Stati Uniti di essere in presenza di un regime controllato dall’Unione Sovietica – durerà circa diciotto mesi, mentre il golpe per sovvertire il Governo, solamente una decina di giorni. Questa ricerca nasce con l’intenzione di studiare l’evoluzione del Guatemala, e più in generale dell’intera America Latina, negli ultimi due secoli. Ma, principalmente, cercherò di vedere, anche attraverso un’analisi di vari siti web, come gli interessi dell’Occidente agiscano nella storia di questa popolazione e di come l’avvento della guerra fredda muti certi rapporti tra gli Usa e il Guatemala. Lo scontro tra due ideologie, il capitalismo e il comunismo, sconvolse non solo la vita delle superpotenze americana e sovietica, ma anche di altri Stati satellite sotto l’influenza di uno o dell’altro blocco.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Francesco Cartechini Contatta »

Composta da 41 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2338 click dal 06/12/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.