Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Fondi pensione: regime fiscale e convenienza all'adesione

Nel mio lavoro sono partito da un dato concreto: mentre chi va in pensione oggi percepisce un reddito che è pari a circa l'80% della media degli stipendi degli ultimi 5 anni, chi andrà in pensione nel 2010 percepirà una pensione pubblica pari al 50% dell'ultimo stipendio.
Bisogna che ci preoccupiamo di integrare questa pensione, e per fare questo il modo più concreto e conveniente è aderire ad un fondo pensione (sia esso chiuso o aperto).
Purtroppo soprattutto i giovani che saranno i più penalizzati dalla riforma della pensione pubblica sono i meno sensibili e non sono intenzionati a risparmiare adesso per quando andranno in pensione.
Nella mia tesi ho cercato di spiegare i vantaggi che ci sono all'adesione ad un fondo pensione sia per i lavoratori dipendenti che per quelli autonomi.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 Capitolo primo La previdenza complementare e i fondi pensione 1.0 Introduzione Il sistema pensionistico italiano é tra i più articolati e complessi esistenti, sia per il numero dei diversi enti previdenziali pubblici, che hanno regole e costi diversi per fornire prestazioni pensionistiche differenti, sia per l’incredibile quantità di norme che regolano il settore e che vengono continuamente aggiornate e modificate 1 . In Italia esistono più pensioni che occupati (22 milioni di pensioni, tra previdenziali, assistenziali, indennitarie e di benemerenza, a fronte di meno di 21 milioni di occupati), e il tasso di sostituzione 2 è ancora oggi vicino all’80%, oltre al fatto che l’indicizzazione è stata, fino ad anni recenti, generosamente legata ai salari reali. L’istituto delle pensioni di anzianità costituisce, inoltre, una vera anomalia italiana nel panorama internazionale: il 34,4% dei pensionati nel 1997 aveva un’età compresa tra i 40 ed i 65 anni, ed il 3% (quasi 490.000 persone) era addirittura più giovane. _____________________________ (1) Cfr. RICCARDO PISANI, Il regime dei fondi pensione, in “Il Fisco”, 1999. (2) Per tasso di sostituzione si intende il rapporto tra l’importo della pensione e quello dell’ultimo stipendio percepito.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Venicio Stocco Contatta »

Composta da 118 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4057 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.