Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dall'informazione esplosa alla conoscenza appetibile. Informatiotion Design per la presentazione di contenuti editoriali

La tesi muove da considerazioni in merito alle odierne difficoltà provocate da un aumento esponenziale delle informazioni trasmesse grazie a nuovi mezzi tecnologici. Si propone quindi una delle possibili soluzioni, offrendo un esempio specifico di metodologia di Information Design (il CPP-TRS di Graziella Tonfoni), disciplina volta al miglioramento dei processi comunicativi, in base a sistemi teorici e pratici di autocoscienza, critica costruttiva e analisi delle informazioni trasmesse e ricevute.
La seconda parte della tesi è tesa a verificare l'efficacia della metodologia sul campo di una attività imprenditoriale nel settore dell'editoria libraria.
Il case study è la libreria e casa editrice Chiari di Firenze, scelta per le sue caratteristiche di libreria di nicchia, volta ad una offerta qualitativa dei "prodotti" e alla fidelizzazione dei propri clienti.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Presentazione Questo lavoro nasce con il fine di proporre un particolare ap- proccio allo studio di alcuni “prodotti” editoriali. Infatti, ci proponia- mo di dimostrare non solo l’utilità di una disciplina specifica nell’analisi di alcune tipologie di contenuti, ma anche la sua flessibili- tà nel proporre nuove soluzioni editoriali. Stiamo parlando dell’Information Design. Questo settore di ricerca nasce dall’esigenza di modellare l’informazione in funzione di un utente specifico, attra- verso una selezione di alcuni ‘pacchetti’ informativi, studiati apposi- tamente per un determinato scopo e in considerazione di un preciso contesto. Grazie all’Information Design la mera informazione assume il valore di effettiva comunicazione, nel senso di una produzione di reale apprendimento da parte dell’individuo. In questo senso la re- sponsabilità di analisi che si assume un Information Designer non è da sottovalutare; infatti non si dovrà limitare a produrre informazione, ma dovrà assicurarsi che questa sia ben strutturata e progettata affinché possa essere di fatto compresa da un utente e si trasformi così in co- noscenza. Nel terzo, quarto e quinto paragrafo del capitolo 1 si vedrà come la nascita dell’Information Design, pur non risalendo che a venti anni fa, e nonostante il suo sviluppo sia stato tanto rapido quanto quello delle tecnologie dell’informazione, tuttavia si presenti come una di- sciplina che ha profonde radici in due grandi aree di ricerca che si so- no occupate del trattamento dell’informazione: l’Intelligenza Artificia- le e la Linguistica Computazionale. Il retaggio culturale è quindi rela- tivamente ampio sia da un punto di vista storico che, soprattutto, me- todologico. Sia nell’introduzione che nel primo capitolo approfondiremo me- glio questi argomenti. Per adesso basti considerare i cenni appena e- sposti sull’Information Design e cercare di valutare brevemente, alla luce di questi, l’intero lavoro, sia per le sue implicazioni che per la sua struttura. Come si evince anche dal titolo, si procederà introducendo il

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Duccio Boldrini Contatta »

Composta da 235 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1315 click dal 21/12/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.