Skip to content

Mercurius Aulicus e Mercurius Britanicus: Informazione e Propaganda nella Guerra Civile Inglese

Informazioni tesi

  Autore: Marco Zannarini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi della Tuscia
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lingue e Letterature Straniere
  Relatore: Angelo Cavallo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 195

La redazione del lavoro ivi presentato si costituisce attraverso un’analisi sincronica dei delicati eventi della guerra civile che nella metà del 1600 investirono l’Inghilterra e dei mutamenti politici e socio-culturali che si andavano profilando all’orizzonte della storia delle regioni britanniche. Specificamente la ricerca si focalizza nel campo della comunicazione di massa seguendo il corso dell’affermazione della stampa periodica. Il foglio di notizie che prepotentemente si diffondeva nel tessuto sociale come uno strumento di informazione sulle vicende della guerra ed al contempo come potente mezzo di propaganda delle parti in lotta. In modo particolare saranno esaminate nel dettaglio le più autorevoli voci delle due parti avverse, il Parlamento e la Corona: rispettivamente i Newsbook (questo il termine tecnico con cui venivano riconosciuti i periodici nella metà del ‘600) Mercurius Aulicus e Mercurius Britanicus. I più autorevoli ed apprezzati esempi di un giornalismo estremamente moderno per stile e qualità, in cui la satira politica e la delegittimazione svolte magistralmente da penne sagaci venivano a presentarsi accanto ad una accurata e brillante proposizione dei fatti di cronaca . Due efficaci strumenti di supporto delle parti in lotta che nel diciassettesimo secolo si dovettero fronteggiare tanto sui campi di battaglia che nelle coscienze di una sfera pubblica che appariva estremamente più consapevole e decisa nel partecipare alle vicende politiche della propria nazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
i Introduzione Il 4 Gennaio 1642 lo scontro istituzionale fra la Corona ed il Parlamento era drammaticamente culminato sul piano militare. In una ferma ed estrema posizione di rivolta alcuni Membri della Camera dei Comuni si erano barricati all’interno di Westminster . Il reggente Carlo I in risposta circondava le aule del Parlamento con un esercito di trecento uomini, certo di ristabilire in breve tempo l’ ordine. La repressione della sommossa parlamentare in realtà non prese mai l’avvio. Una folla di cittadini londinesi infatti, si era frapposta fra l’ esercito ed i Comuni, impedendo di fatto alle truppe regie l’accesso al Parlamento. Questo fatto consegnava al Sovrano ed alla Corte la consapevolezza di un avverso fronte popolare che li obbligavano ad un sollecito allontanamento da Londra, lasciando al Parlamento le redini della città e della rivolta. Lo scontro armato tuttavia venne solamente rimandato . Ben presto Carlo I avrebbe lanciato una violenta controffensiva ai ribelli, gettando conseguentemente la nazione in una lunga Guerra Civile i cui esiti ben pochi avrebbero potuto prevedere al principio di quel 1642. Al contrario le ragioni che avevano condotto il Parlamento alla sollevazione erano ben note fra la popolazione, e come si è visto avevano ricevuto un ampio sostegno . La connotazione popolare fornita alla rivolta delle Camere, traeva le sue origini da un processo d’ informatizzazione iniziato negli anni venti con i resoconti parlamentari. Accadeva già durante i primi anni d’ attrito infatti, che talune rivendicazioni e rimostranze che il Parlamento aveva indirizzato al Sovrano venissero fatte circolare per le strade di Londra. La popolazione in questa maniera era in grado di giudicare e discutere le vicende politiche del paese attraverso un opinione ben definita e, alla luce dei fatti, anche fortemente partigiana. Sulle complesse vicende inglesi d’ inizio milleseicento appare così inserirsi una sfera pubblica nel ruolo di protagonista attiva e consapevole; anche se alcuni ritengono che invece in quel periodo, debba ancora costituirsi in Inghilterra. 1 Per un esame a tale proposito si ritiene utile esaminare il ruolo che la letteratura, come mezzo di comunicazione delle idee e dell’ attività dell’ uomo, svolse sulle origini e lo sviluppo della Guerra Civile Inglese. 1 Habermas, Jurgen, The Structural Transformation of the Public Sphere: An inquiry into a Category of Burgeois Society, Cambridge, Mass., 1989. Il professor Habermas data la costituzione della Sfera Pubblica mezzo secolo più tardi attorno al 1695.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

guerra civile inglese
newsbook
stampa periodica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi