Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il concorso esterno nei reati associativi

Il problema dogmatico che si pone con il concorso esterno è quello di verificare se esista un’ulteriore area di punibilità all’interno del nostro ordinamento, oltre a quella degli intranei, costituita da quelle condotte di contiguità con associazioni criminali, ritenute dai più come socialmente pericolose, che non trovano una collocazione all’interno delle figure già esistenti.
Ancora oggi non è possibile dare una definizione univoca di concorso esterno, poiché né il legislatore, né la giurisprudenza aiutano in questo senso. Ciò che si è provato a rilevare in questo lavoro sono stati, quindi, gli elementi comuni che ricorrono nelle varie ricostruzioni della giurisprudenza, per capire se sia configurabile un concorso esterno, che cosa sia e quali problemi ponga.
Le prime esperienze di applicazione dell’istituto sono state quelle giudiziarie, relativamente a procedimenti per fatti di terrorismo o di eversione.
Era quindi necessario dotarsi di strumenti giuridico-penali capaci di consentire un controllo il più possibile esteso e duttile, e la figura del concorso eventuale è sembrata adatta allo scopo; l’incertezza dei confini, però, sembra provocare una potenziale e incontrollata espansione dell’ambito del concorso esterno, anche a causa dell’indeterminatezza e dall’eccessiva estensione della sfera della tutela penale che caratterizza la clausola di cui all’art. 110 c.p.
I reati associativi richiedono per definizione che una pluralità di persone si uniscano stabilmente per realizzare un programma comune: è per questo infatti che vengono chiamati anche reati necessariamente plurisoggettivi o a concorso necessario.
Ci siamo chiesti quindi se fosse possibile applicare la disciplina dei reati a concorso necessario ad un reato a concorso eventuale, cioè al concorso esterno.
Siamo partiti dallo studio del concorso esterno nell’associazione mafiosa: qui troviamo una maggior produzione giurisprudenziale giacché essendo molte le figure che a vario titolo (medici, politici, imprenditori, avvocati, ecc.) sono potute o possono entrarvi in contatto, più complicato appare stabilirne la responsabilità.
Partendo dallo studio di questa fattispecie dovrebbe essere possibile applicare lo stesso ragionamento analitico anche ad altre fattispecie, come le associazioni sovversive, anche se in queste, soprattutto negli anni passati, l’organizzazione era più rigida e quindi più improbabile che un esterno potesse occasionalmente avvicinarsi ad esse. Oggi, però i nuovi fenomeni di terrorismo, sia nazionale che internazionale, hanno attenuato tali caratteri di rigidità, rendendo possibile per gli “esterni” entrare in contatto con forme di criminalità organizzata - per esempio di carattere politico - dando ad esse un contributo, talvolta anche essenziale, senza essere parte dell’associazione.
Per riuscire ad immaginare lo schema di tutte le figure che ruotano attorno ad un’associazione criminale, si potrebbe ipotizzare un’immaginaria figura geometrica composta da cerchi concentrici, che ci aiuti a collocare più facilmente la relazione e la posizione di ognuna di queste.
All’interno del cerchio vi sarebbe l’intraneo, colui che è dentro l’associazione a tutti gli effetti, che è organico ad essa, che ne fa parte, come può essere un capo, un promotore o un organizzatore. Poi il primo confine labile, tra il partecipe e il concorrente eventuale materiale, un’area interessante da studiare che appassiona e fa scontrare la dottrina, la quale per lo più obietta che colui che concorre materialmente, altri non è che il partecipe; ancora sopra troviamo il concorrente eventuale morale, più pacificamente accettato, ed infine un’altra debole barriera, quella che distingue il concorso eventuale materiale dalla condotta dell’estraneo che non costituisce reato, riguardo al quale più forte si avverte l’esigenza di fissare dei limiti comportamentali certi che assicurino il rispetto dei principi di legalità e tassatività.
In particolare sono tre le pronunce fondamentali sul concorso esterno.
La prima, la sentenza Demitry del 1994 delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione, aveva affermato che il concorrente esterno non vuole appartenere e non è voluto quale appartenente all’associazione; se consapevole dei fini perseguiti dal gruppo è indifferente rispetto ad essi; fornisce un contributo non reiterato, nel momento in cui l’associazione entra in uno “stato di fibrillazione”, ossia quando questa si trovi in difficoltà.
La seconda, sentenza Villecco del 2001, invece, esprime l’esigenza di verificare la “tenuta” della decisione delle Sezioni Unite nel procedimento Demitry.
È l’espressa enunciazione della tesi negazionista del concorso esterno; tant’è che con questa si è prodotto un vero e proprio contrasto giurisprudenziale, da ultimo risolto con la sentenza Carnevale delle Sezioni unite.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Premessa Il tema del concorso esterno nei reati associativi viene studiato innanzitutto riguardo all’associazione mafiosa, ma l’analisi giuridica di questa fattispecie non esclude, almeno teoricamente, l’applicabilità di alcuni suoi risultati anche ad altre figure, come le associazioni sovversive (art. 270 c. p.) o le associazioni con finalità di terrorismo anche internazionale o di eversione dell’ordine democratico (art. 270 bis). Il problema che si vuol far emergere è innanzitutto quello del rispetto del principio di legalità e di tassatività. Per ora infatti esso, è solo delineato o talvolta sostanziato dalla giurisprudenza 1 , poiché il legislatore non ha deciso di tipizzare la figura del concorso esterno, forse anche volutamente, lasciando così il giudice libero di ammetterlo o meno e di deciderne la misura 2 . Le esigenze politico-criminali che hanno spinto la giurisprudenza ad elaborare questa fattispecie sono evidenti; siamo negli anni ottanta, periodo in cui fervono i maxi processi di mafia ed in cui emergono in maniera sempre più preoccupante i legami di questa organizzazione con qualunque ambiente politico, economico ed istituzionale della nostra società. Siamo anche nel periodo della lotta al terrorismo e dei processi alle brigate rosse. E’ quindi necessario dotarsi di strumenti giuridico-penali capaci di consentire un controllo penale il più possibile esteso e duttile e la figura del concorso eventuale sembra essere adatta allo scopo. Ma l’incertezza dei confini ha provocato una potenziale, incontrollata espansione dell’ambito del concorso esterno 1 V. ad esempio l’ultima rilevante sentenza sul concorso esterno, Cass. Sez. Un., 30 ottobre 2002, n. 22327, Carnevale, in Foro it. 2003, II, 453. 2 Mentre nelle altre scienze “si vanno sempre più semplificando le procedure rispetto al passato, nella giurisprudenza si vanno sempre più complicando. E mentre tutte le arti progrediscono moltiplicando i risultati con l’impiego di mezzi più ridotti, la giurisprudenza regredisce moltiplicando i mezzi e riducendo i risultati” FERRAJOLI, Diritto e ragione: teoria del garantismo penale, Bari, 2000, 35.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Giulia Masi Contatta »

Composta da 157 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12067 click dal 30/12/2004.

 

Consultata integralmente 52 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.