Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Rappresentazioni materne e paterne nella genitorialità

L'attesa e la nascita del primo figlio sono eventi complessi che richiedono notevoli capacità d'adattamento ed organizzazione da parte della coppia. Il nuovo sistema familiare, già nel periodo della gravidanza, inizia a modificarsi in modo triangolare: l'originaria struttura diadica si ristruttura, si apre e fa posto al bambino. La promozione della genitorialità valorizza il prendersi cura, il dare sostegno, fornire una 'base sicura' che consente l'allineamento emotivo del bambino al suo ambiente di sostegno. Il bambino affronta il lungo e delicato processo di costruzione dell'identità attraverso l'interazione sociali e le relazioni emotive con le prime figure d'attaccamento, con le persone che si occupano di lui. Una scelta consapevole di maternità e paternità comprende l'analisi del rapporto fantastico ed idealizzato con il futuro bambino; la comprensione cosciente delle prooiezioni personali e di coppia dei futuri genitori alla luce del passaggio dalla condizione di copppia a quella di famiglia. La costruzione dell'identità genitoriale, il lavoro del diventare genitore consente alla coppia il passaggio creativo dalla diade alla triade; la transizione integrata al nuovo legame tra genitori e figlio; la ricerca di equilibrio tra l'assetto coniugale e quello genitoriale; l'evoluzione delle relazioni con le famiglie d'origine e la conseguente regolazione della reciproca distanza emotiva.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 PREMESSA Il processo della genitorialità ( 1 ) può essere affrontato secondo vari punti di vista e secondo varie angolature scientifiche che segnalano un campo d’indagine di notevole interesse per l’analisi dell’organizzazione psichica umana, in generale; e per l’elaborazione degli affetti, pensieri, informazioni, memorie relative all’esperienza genitoriale, in particolare. Il presente contributo, che non ha alcuna pretesa di esaustività, si accosta al tema pluridimensionale della genitorialità (psico-affettiva, relazionale, culturale, biologica, ecc…) focalizzando la riflessione sulle rappresentazioni materne e paterne nel processo della nascita quale evento significativo di promozione della ‘salute’ della famiglia e dei singoli membri. Il processo di sviluppo di ogni persona, inteso come processo che copre l’intero arco di vita, appare scandito da eventi critici che l’individuo affronta nel suo percorso vitale. Tali eventi richiedono un cambiamento, una ristrutturazione e una riorganizzazione personale la cui risoluzione-risposta appare influenzata dalla rete di relazioni nella quale il soggetto è inserito. Il ciclo di vita familiare rappresenta un modello evolutivo che esamina e descrive i cambiamenti che tipicamente avvengono in una famiglia nel corso degli anni. ( 2 ) Le caratteristiche di una famiglia si modificano in base alla fase del ciclo vitale che sta attraversando, al luogo, alla situazione. Il suo ciclo vitale si articola in una serie di fasi ognuna delle quali deve essere superata per poter passare alla successiva. In occasione di ciascuna fase il sistema familiare si trova a confrontarsi con una situazione nuova, che richiede un cambiamento nell'organizzazione del sistema in quanto le precedenti modalità di funzionamento non risultano più adeguate. All'interno del sistema devono avvenire alcuni cambiamenti nelle relazioni interpersonali in modo tale che le modalità di funzionamento dello stesso possono modificarsi e divenire funzionali alla nuova fase. La funzionalità è data dal riuscire ad instaurare il tipo di relazioni più adeguate in rapporto alla fase che si sta attraversando. 1 ) Secondo la letteratura psicologica, la genitorialità è un fenomeno evolutivo influenzato dal desiderio di maternità e paternità che è all’origine della nostra cultura. 2 ) Il concetto di ciclo di vita della famiglia si è sviluppato in ambito sociologico negli anni ‘40 con l'opera di Hill e Duvall. Tale concetto è stato riconosciuto dagli psicoterapeuti relazionali come strumento utile negli anni '70 con J. Haley. Pensare in termini di ciclo vitale accentua la continuità della famiglia nel corso del tempo e delle generazioni, in quanto consente di vederla inserita in un flusso continuo di cambiamento evolutivo.

Diploma di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Mirca Montanari Contatta »

Composta da 55 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9857 click dal 30/12/2004.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.