Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'Italia e la scelta occidentale

Il lavoro inquadra il difficile momento storico in cui si trovò l'Italia all'indomani della seconda guerra mondiale. In particolare ci si sofferma sulle varie fasi e sui motivi che spinsero la diplomazia italiana ad abbracciare la scelta occidentale. L'adesione al Patto Atlantico fu senza dubbio l'iniziativa più importante di tutto il dopoguerra italiano. L'ingresso nell'alleanza significò per il governo di Roma uscire dall'isolamento in cui la sconfitta lo aveva collocato e riprendere, senza discriminazioni, un posto di primo piano nella politica internazionale. L'Italia ebbe così l'opportunità di passare dalla condizione di Stato sconfitto a quella di membro alla pari della comunità occidentale, liberandosi da una delle pesanti eredità che il fascismo le aveva lasciato. Oggi può essere certamente più chiaro comprendere che cosa avrebbe significato per l'Italia una scelta diversa da quella che fecero De Gasperi e Sforza. Secondo l'opinione dello storico Gaja la neutralità "sarebbe equivalsa ad un difficilissimo isolamento che ci avrebbe costretti, sotto la pressione sovietica e comunista, ad accettare situazioni estremamente pericolose per l'avvenire della nostra società".

Mostra/Nascondi contenuto.
2 CAPITOLO I L’Europa dopo la guerra: dalla crisi della “grande alleanza” alla nascita dei due blocchi 1.1 Alla fine della seconda guerra mondiale, la divisione politica dell’Europa era sostanzialmente delineata e le sfere di in- fluenza nettamente disegnate. A contendersi il potere in Europa rimanevano gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica nonché la Gran Bretagna, il cui ruolo tutta- via era profondamente condizionato dal pesante sforzo sostenuto durante il secondo conflitto mondiale. I nuovi equilibri erano quindi fortemente legati ai rapporti fra le due superpotenze e, fra Stati Uniti e Unione Sovietica, non emersero contrasti di rilievo fino alla vigilia di Yalta 1 . Nelle settimane successive, tuttavia, il clima tra le due su- perpotenze si fece improvvisamente più teso. L’inasprirsi dei contrasti sulla situazione polacca, la politica sovietica nei paesi

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Francesco Pisani Contatta »

Composta da 97 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5751 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.