Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Friedrich Hollaender : Das deutsche Kabarett vor und nach dem zweiten Weltkrieg

Lo scopo del mio lavoro è stato quello di raccogliere e analizzare il materiale esistente sulla vita del cabarettista tedesco Friedrich Hollaender. La mia attenzione si è rivolta in particolare alla sua attività artistica, al fine di esporre la produzione di Hollaender come musicista e scrittore.
L’analisi delle sue composizioni mira ad inserirle nel contesto storico in cui l’artista ha vissuto. A tale scopo ho redatto alcuni capitoli che illustrano la situazione sociale, politica ed economica della Germania di allora. La produzione artistica di Hollaender infatti non fu mai libera dall’influsso degli eventi. Il più delle volte prese spunto da fatti contemporanei o del passato recente per parodiarli nei suoi Lieder. Con tale satira egli si proponeva di far ridere e divertire il suo pubblico, portandolo contemporaneamente anche a riflettere sull’ingiustizia e l’assurdità che imperavano nella società.
Prendendo apertamente posizione contro questa società corrotta mise spesso in pericolo la propria vita, inimicandosi la classe al potere e la borghesia conservatrice. Questo rischio faceva però parte del lavoro dei cabarettisti. Volker Kühn nel suo commento all’autobiografia di Hollaender dà di essi la seguente definizione:

“Kabarettisten sind gute Chronisten. Sie haben den Finger am Puls der Zeit, nehmen seismographisch Stimmungen und Entwicklungen auf, stehen mit dem Zeitgeist auf du und du, schlürfen Aktualität und spucken sie als Pointe wieder aus. Sie wissen, was die Uhr geschlagen hat und machen sich ihren eigenen Reim darauf. Daß dabei zumeist ein Lacher rauskommt, zuweilen einer, der im Hals stecken bleibt, gehört zum Metier dieser rabenschwarzen Zunft.“

Nonostante Hollaender si impegnasse a mettere in luce e criticare i vizi e i difetti della società in cui viveva, era tuttavia poco convinto che il suo lavoro potesse essere utile a migliorare o perlomeno cambiare la situazione. Di carattere era scettico, malinconico e un po’ pessimista, ma queste sue caratteristiche non riuscirono a sopraffare del tutto quell’energia e quel senso dell’umorismo che, insieme ad un lieve ottimismo di fondo, gli diedero sempre lo stimolo e la forza per continuare la sua attività.
Queste due opposte tendenze caratteriali sono ben presenti in tutta la sua produzione musicale. I suoi Lieder oscillano infatti tra le tonalità maggiori, allegre e spensierate, che caratterizzano spesso i ritornelli, e quelle minori, più tristi, malinconiche e riflessive, con le quali tende invece a comporre le strofe. Questo costante e irrisolvibile conflitto interiore riempie i suoi pezzi delle più diverse atmosfere, piene di amore e di dolore, di gioia e di tristezza, che hanno contribuito a creare il mito dei cosiddetti “Goldene Zwanziger Jahre” .
La grande energia che lo accompagnò durante la sua gioventù, all’inizio della sua attività cabarettistica, e che nel periodo hollywoodiano gli diede la forza e la speranza per sopravvivere, venne meno negli anni cinquanta, quando, tornato in Germania, si rese conto che le circostanze erano cambiate, così come era cambiato il gusto del pubblico. Dopo gli anni difficili della guerra la gente aveva di nuovo voglia di divertirsi e di svagarsi, ma Hollaender e il suo modo di fare satira erano ormai sorpassati per gli spettatori della nuova generazione.
Dopo un vano tentativo di far rivivere il passato, si rese conto a malincuore che le sue battute di spirito e il suo umorismo non avevano più effetto nella società moderna: in essa non c’era più spazio per la sua concezione artistica. Inoltre l’entusiasmo giovanile lo aveva ormai abbandonato. Quello di cui infine sentiva di aver bisogno era pace, tranquillità e distacco dall’atmosfera euforica e caotica che lo aveva da sempre accompagnato.
Con il significativo Lied Spötterdämmerung prese definitivamente congedo dal cabaret, per ritirarsi ad una vecchiaia tranquilla, un po’ malinconica, ma comunque produttiva, in cui si dedicò alla redazione di diversi libri in cui espose la sua concezione di umorismo e le teorie da lui elaborate per produrre una “vernünftige Satire” .

Mostra/Nascondi contenuto.
5 1. INTRODUZIONE Il nome del cabarettista Friedrich Hollaender non è molto conosciuto nella società tedesca odierna, se non negli ambienti artistici. Tuttavia i suoi Lieder sono noti ad un gran numero di persone e rappresentano una parte della loro cultura. Con questo lavoro mi propongo di studiare ed analizzare le opere e la vita di Hollaender sulla base della letteratura primaria e secondaria, e di esporne poi una mia analisi e interpretazione. Concentrerò la mia attenzione in particolare sull’attività artistica di Hollaender, cercando di capire fino a che punto essa sia stata influenzata dagli eventi storici del periodo in cui egli è vissuto. In primo luogo analizzerò la sua autobiografia, confrontandola con la storia della sua vita scritta dal suo più importante biografo Volker Kühn e con il libro di Viktor Rotthaler. Per un inquadramento generale del cabaret effettuerò un’analisi accurata della letteratura sulla storia di questo genere teatrale-musicale dalle sue origini fino agli anni cinquanta. Dopo una breve biografia che fornisce indicazioni generali sulla vita, la famiglia e il lavoro di Hollaender, seguirà un capitolo storico sulla Germania degli anni venti, con la descrizione della situazione politica, economica, sociale e culturale. In tal modo inquadrerò l’attività di Hollaender nel periodo storico in questione, per capire le condizioni in cui si è trovato a lavorare e come ha affrontato e superato o aggirato le difficoltà incontrate. Seguirà quindi l’analisi dettagliata degli inizi della sua carriera nei cabaret, sia come musicista che come scrittore. Mi soffermerò in particolare sul contenuto delle sue composizioni, sui riferimenti storici all’interno dei testi e sul suo modo di fare ironia. Brevi delucidazioni riguarderanno anche i suoi principali collaboratori e colleghi di lavoro.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Marilisa Rivis Contatta »

Composta da 171 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 589 click dal 10/01/2005.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.