Skip to content

Il fenomeno sportivo nello Stato italiano tra la teoria pluralistico-ordinamentale e l'impostazione statualistica

Informazioni tesi

  Autore: Chiara Jannuzzi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Leonardo Ferrara
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 319

Il fenomeno sportivo, inteso quale attività organizzata stabilmente sia a livello nazionale che internazionale, ha acquisito oggigiorno una enorme rilevanza, non solo dal punto di vista socio-economico, ma anche da quello prettamente giuridico. Il suo sviluppo è legato al ripristino dei giuochi olimpici del 1894 e al conseguente passaggio all’agonismo a programma illimitato, ossia ad un diverso modo di praticare lo sport: infatti, questo non viene più visto esclusivamente quale attività da praticarsi in modo occasionale, dove l’agonismo è limitato ai soli gareggianti, ma quale attività che si svolge senza limiti di tempo e di spazio per il perseguimento dei valori sportivi in senso assoluto.
Questo nuovo concetto di sport ha rivoluzionato tutto il settore: è proprio intorno ai primi anni del XX secolo che vengono a costituirsi le prime forme di organizzazione in grado di assicurare che le varie pratiche sportive siano eseguite secondo un programma che ne colleghi formalmente i risultati, sia nello spazio che nel tempo, tramite la predisposizione e l’applicazione di specifiche regole e di nuovi meccanismi di controllo, di accertamento e archiviazione dei risultati.
In particolare, nello Stato italiano tali organizzazioni trovano la propria rappresentazione nel C.O.N.I. e nelle federazioni sportive nazionali, che provvedono a regolamentare le differenti discipline sportive e a governare tutto il settore a livello nazionale.In tal modo, il fenomeno sportivo viene a presentarsi come un insieme di elementi coordinati tra loro, dotato di un proprio apparato organizzativo, di propri soggetti e di proprie norme.Tuttavia, si deve tener conto che tale struttura esplica le proprie funzioni e persegue le proprie finalità all’interno dell’ordinamento statale, il quale ha mostrato più volte il suo interesse per tale materia.Il legislatore statale ha infatti emanato una apposita legge per la disciplina del C.O.N.I. e delle federazioni sportive nazionali o per la regolamentazione del rapporto di lavoro sportivo, è intervenuto per dare una soluzione a specifici problemi attinenti, in particolare, alla frode sportiva e al doping; recentemente, poi, ha cercato di regolare i rapporti tra la giustizia statale e quella sportiva attraverso la legge n. 17 ottobre 2003, n. 280.La progressiva importanza assunta dal fenomeno sportivo, i numerosi interventi dello Stato in tale ambito, nonché i vari contrasti verificatisi tra quest’ultimo e l’organizzazione sportiva, hanno spinto la dottrina ad individuare una giusta e precisa collocazione del fenomeno sportivo all’interno della realtà statuale.In un primo tempo, la dottrina, in particolar modo M. S. Giannini, ha applicato la teoria sulla pluralità degli ordinamenti giuridici, formulata da S. Romano, al fenomeno sportivo: quest’ultimo costituirebbe un vero e proprio ordinamento giuridico che viene ad esplicare le proprie funzioni e a perseguire le proprie finalità all’interno dello Stato, ma che allo stesso tempo si distingue da esso in quanto dotato di un proprio apparato organizzativo, di propri soggetti, sia persone fisiche che giuridiche, e di un proprio sistema normativo. Recentemente, però, la teoria pluralista è stata messa in discussione da una ulteriore ipotesi ricostruttiva, in chiave statualistica, del fenomeno sportivo, formulata da L. Di Nella, secondo il quale esso deve essere visto non come un ordinamento giuridico, originario ed autonomo, ma come fenomeno rientrante all’interno dell’ordinamento statale.Oggetto di tale lavoro sarà, di conseguenza, lo studio dei rapporti sussistenti tra ordinamento statale e fenomeno sportivo alla luce di entrambe le teorie poc’anzi accennate, in modo tale da poter individuare quale sia l’esatta collocazione di tutta l’organizzazione sportiva all’interno dello Stato italiano.A tal fine, dovranno essere esaminati tutti quegli aspetti del settore sportivo in cui viene ad operare anche l’ordinamento statale attraverso i propri atti normativi o l’intervento dell’autorità giudiziaria.La tesi verrà suddivisa così in due parti: nella prima, dopo un breve cenno all’evoluzione storica dello sport e delle varie organizzazioni internazionali e nazionali, quali il C.I.O., il C.O.N.I. e le federazioni, verranno esposte le due teorie formulate a proposito del fenomeno sportivo, ossia quella pluralistico-ordinamentale e quella statualistica.Nella seconda parte, invece, si cercherà di delineare quale sia la relazione sussistente tra il fenomeno sportivo e lo Stato italiano; verranno così prese in considerazione quelle specifiche materie la cui disciplina è dettata sia dalle norme sportive che da quelle statali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE Il fenomeno sportivo, inteso quale attività organizzata stabilmente sia a livello nazionale che internazionale, ha acquisito oggigiorno una enorme rilevanza, non solo dal punto di vista socio-economico, ma anche da quello prettamente giuridico. Il suo sviluppo è legato al ripristino dei giuochi olimpici del 1894 e al conseguente passaggio all’agonismo a programma illimitato, ossia ad un diverso modo di praticare lo sport: infatti, questo non viene più visto esclusivamente quale attività da praticarsi in modo occasionale, dove l’agonismo è limitato ai soli gareggianti, ma quale attività che si svolge senza limiti di tempo e di spazio per il perseguimento dei valori sportivi in senso assoluto. Questo nuovo concetto di sport ha rivoluzionato tutto il settore: è proprio intorno ai primi anni del XX secolo che vengono a costituirsi, sia a livello nazionale che internazionale le prime forme di organizzazione in grado di assicurare che le varie pratiche sportive siano eseguite secondo un programma che ne colleghi formalmente i risultati, sia nello spazio che nel tempo, tramite la predisposizione e l’applicazione di specifiche regole e di nuovi meccanismi di controllo, di accertamento e archiviazione dei risultati. In particolare, nello Stato italiano tali organizzazioni trovano la propria rappresentazione nel C.O.N.I. e nelle federazioni sportive nazionali, che provvedono a regolamentare le differenti discipline sportive e a governare tutto il settore a livello nazionale. In tal modo, il fenomeno sportivo viene a presentarsi come un insieme di elementi coordinati tra loro, dotato di un proprio apparato organizzativo, di propri soggetti e di proprie norme.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
redazi[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

c.o.n.i.
sport
sportive
sportivi
sportivo
statualistica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi