Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dal divieto d'interposizione nella manodopera alla somministrazione di lavoro

Il d.lgs. 276/2003 abroga, insieme con il precedente divieto d’ interposizione (artt. 1 e 2, l. 1369/1960), la disciplina della fornitura di lavoro altrui (artt. 1-11, l. 196/1997), e, con le disposizioni contenute nel Titolo III, ne introduce un’altra, ribattezzata per l’occasione, in conformità alle indicazioni della legge delega, l. 30/2003, somministrazione di lavoro.
Ma quanto e in quali termini le nuove regole differiscono dalle precedenti caratterizzate dal generale divieto d’interposizione e dalla deroga della fornitura di lavoro autorizzata? In particolare sono state ridisegnate le tre aree che contraddistinguevano la disciplina abrogata: l’area dell’interposizione (oggi somministrazione) illecita – l’area della fornitura (oggi somministrazione) lecita – l’area demandata alla disciplina del contratto di appalto?
Questo lavoro si propone di analizzare le norme sul divieto d’interposizione, quelle sulla disciplina della fornitura di lavoro altrui e quelle sulla somministrazione di lavoro evidenziando le linee di continuità e le linee di novità della legislazione, sullo sfondo dei numerosi dibattiti giurisprudenziali in materia e delle profonde innovazioni avvenute nel mercato del lavoro e nell’organizzazione d’azienda.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Il d.lgs. 276/2003 abroga, insieme con il precedente divieto d’interposizione (artt. 1 e 2, l. 1369/1960), la disciplina della fornitura di lavoro altrui (artt. 1-11, l. 196/1997), e, con le disposizioni contenute nel Titolo III, ne introduce un’altra, ribattezzata per l’occasione, in conformità alle indicazioni della legge delega, l. 30/2003, somministrazione di lavoro. Ma quanto e in quali termini le nuove regole differiscono dalle precedenti caratterizzate dal generale divieto d’interposizione e dalla deroga della fornitura di lavoro autorizzata? In particolare sono state ridisegnate le tre aree che contraddistinguevano la disciplina abrogata: l’area dell’interposizione (oggi somministrazione) illecita – l’area della fornitura (oggi somministrazione) lecita – l’area demandata alla disciplina del contratto di appalto? Questo lavoro si propone di analizzare le norme sul divieto d’interposizione, quelle sulla disciplina della fornitura di lavoro altrui e quelle sulla somministrazione di lavoro evidenziando le linee di continuità e le linee di novità della legislazione, sullo sfondo dei numerosi dibattiti giurisprudenziali in materia e delle profonde innovazioni avvenute nel mercato del lavoro e nell’organizzazione d’azienda. In particolare, il capitolo I si occupa della l. 1369/1960 sul divieto d’interposizione della manodopera evidenziando i profili giuridici e descrivendo il modello organizzativo d’azienda su cui è stata scritta la norma. Il capitolo II parla delle varie vicissitudini che hanno portato il governo Italiano ad adottare lo schema del lavoro interinale negli

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Clara Rita Longo Contatta »

Composta da 179 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7038 click dal 10/01/2005.

 

Consultata integralmente 44 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.