Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dinamiche relazionali e organizzative in un contesto ospedaliero

come le organizzazioni ospedaliere, il burnout e la qualità sono correlate tra loro

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Con l'introduzione in ambito psicologico del concetto di"burnout" si è avuto un forte interesse per l’argomento anche in Italia, ma scarse sono le ricerche sull'argomento. Il termine è usato per definire una degenerazione particolare dello stato emotivo degli operatori impiegati nei rapporti con il pubblico o nelle professioni di aiuto sociale ("helping profession"), ossia professioni nelle quali il rapporto con l'utente/cliente ha un'importanza centrale in termini di significato e di lavoro in sé. Questo tema ha ottenuto al contrario un'attenta considerazione da parte degli psicologi dei Paesi di influenza anglosassone, dove la riflessione, attiva dagli anni '70, conta numerosi interventi particolarmente focalizzati sullo studio di alcune professioni a maggior rischio oltre che sui problemi definitori e metodologici. Grazie alle iniziative di ricerca che si sono moltiplicate, sono stati isolati ed analizzati una serie di fattori che influenzano l'insorgenza e l'evoluzione della sindrome riuscendo a definire le strategie organizzative di evitamento o decremento della possibilità che si manifesti. Per quanto l'espressione è lontana dal costituire una traduzione letterale del termine Inglese, il vocabolo italiano che meglio può indicare cosa si intende per operatore in burnout è "bruciato". Attraverso il primo capitolo, si è cercato di capire se e quanto il burnout sia responsabile delle disfunzioni e delle inefficienze che si notano nelle strutture ospedaliere. Soprattutto si è voluto appurare se è l'operatore inadatto alla struttura oppure è la struttura e l'organizzazione che sono inadatte ad un livello di assistenza ottimale. Si è cercato brevemente di definire cosa si intende con il termine burnout, di descrivere alcuni modelli teorici di riferimento e di tracciare le caratteristiche individuali del soggetto che “rientra nella diagnosi burnout”, di illustrare le cause di questa sindrome e gli effetti che genera su chi ne è colpito. Per approfondire e capire meglio ciò ci si è inoltre soffermati anche sull’aspetto organizzativo. Il secondo capitolo espone come il racconto della nascita e dell'evoluzione dell'istituzione ospedaliera sia un intrigante viaggio in quel universo sanitario in cui, ieri come oggi, i fatti medici e i fatti sociali si intersecano con quelli architettonici e

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Silvia Cito Contatta »

Composta da 107 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4199 click dal 17/01/2005.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.