Skip to content

Felicità e società nel pensiero di C.-A. Helvétius

Informazioni tesi

  Autore: Mauro Bassetto
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1996-97
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Massimo Mori
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 116

L’opera Felicità e società nel pensiero di C.-A. Helvétius si inserisce nella già ampia produzione bibliografica relativa al pensiero etico-politico di Helvétius. Essa intende approfondire quegli aspetti che sono stati trattati solo marginalmente o sono stati addirittura tralasciati dalla letteratura secondaria sinora prodotta. In particolar modo, la realizzazione di quest’opera è da intendersi come un tentativo di integrazione dell’ottimo lavoro di R. Mauzi, L’idée du bonheur dans la littérature et la pensée française au XVIIIe siècle (1960). Mauzi si limitava, infatti, a trattare il concetto di felicità nel pensiero di Helvétius quasi esclusivamente nella sua applicazione privata o individuale. Egli, in altri termini, trascurava quegli aspetti pubblici o sociali della felicità helveziana che qui, invece, ci si propone di evidenziare e analizzare più dettagliatamente. L’opera è suddivisa in tre parti. Nella prima vengono esaminate le linee fondamentali della gnoseologia e dell’antropologia di Helvétius, cioè le modalità e le possibilità conoscitive dello spirito umano, in relazione alla problematica dell’organisation. Nella seconda parte è esaminato il concetto di felicità da un punto di vista individuale (privato), in relazione alla dinamica bisogno-desiderio-piacere. Nella terza parte, infine, è esaminato il concetto di felicità da un punto di vista generale (pubblico), in relazione alle leggi e all’educazione come strumenti per la sua realizzazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Mauro Bassetto, Felicità e società nel pensiero di C.-A. Helvétius, Università degli Studi di Torino, A.A. 1996/1997 III Introduzione L’opera Felicità e società nel pensiero di C.-A. Helvétius si inserisce nella già ampia produ- zione bibliografica relativa al pensiero etico-politico di Helvétius. Essa intende approfondire quegli aspetti che sono stati trattati solo marginalmente o sono stati addirittura tralasciati dalla letteratura secondaria sinora prodotta. In particolar modo, la realizzazione di quest’opera è da in- tendersi come un tentativo di integrazione dell’ottimo lavoro di R. Mauzi, L’idée du bonheur dans la littérature et la pensée française au XVIII e siècle (1960). Mauzi si limitava, infatti, a trat- tare il concetto di felicità nel pensiero di Helvétius quasi esclusivamente nella sua applicazione privata o individuale. Egli, in altri termini, trascurava quegli aspetti pubblici o sociali della feli- cità helveziana che qui, invece, ci si propone di evidenziare e analizzare più dettagliatamente. L’opera è suddivisa in tre parti. Nella prima vengono esaminate le linee fondamentali della gno- seologia e dell’antropologia di Helvétius, cioè le modalità e le possibilità conoscitive dello spiri- to umano, in relazione alla problematica dell’organisation. Nella seconda parte è esaminato il concetto di felicità da un punto di vista individuale (privato), in relazione alla dinamica bisogno- desiderio-piacere. Nella terza parte, infine, è esaminato il concetto di felicità da un punto di vista generale (pubblico), in relazione alle leggi e all’educazione come strumenti per la sua realizza- zione. Helvétius sostiene una gnoseologia rigorosamente sensistica di ispirazione condillachiana. Il tentativo intrapreso da Condillac di dimostrare come ogni realtà psichica sia una mera trasforma- zione della sensazione è ripreso da Helvétius, che lo sviluppa in funzione etico-politica. Helvé- tius assume la sensibilità fisica come origine del processo conoscitivo e morale. Il principio pro- duttivo di spirito, inteso come l’insieme dei pensieri dell’uomo, è la sensibilità fisica con cui si percepiscono le sensazioni, le quali vengono conservate dalla memoria sotto forma di idee. La memoria è ridotta a una forma di sensibilità modificata, ma mentre l’organo della sensibilità è l’anima, l’organo della memoria è lo spirito. Le stesse idee si riducono poi a sensazioni fisiche: esse derivano dai sensi, per cui non esistono idee innate e tutto è nell’uomo un’acquisizione. L’attività intellettuale propriamente detta (il giudizio) consiste nella percezione della differenza di rapporto (comparazione) tra due o più sensazioni o idee. Lo stesso giudicare consiste dunque in una forma di “sentire”. Secondo Helvétius, la differenza di spirito tra gli uomini non dipende da fattori fisici. Nel so- stenere questo, egli si pone in antitesi principalmente con La Mettrie, il quale aveva affermato la determinazione dello spirito da parte dell’organizzazione fisica. Alla base delle due teorie vi è, tuttavia, una concezione differente dell’organisation che ne spiega la divergenza: mentre per La Mettrie l’organizzazione è assolutamente individuale e quindi diversa in ognuno, per Helvétius l’organizzazione è l’espressione di una normalità fisiologica che, identica in tutti gli uomini, spiega la loro originaria uguaglianza intellettuale. Questa consiste nell’uguale (seppur solo vir- tuale) “giustezza di spirito”, ovvero nella corretta osservazione dei rapporti degli oggetti tra di loro, che garantisce ad ognuno le stesse potenzialità di elevarsi ai più alti livelli di spirito. La dif- ferenza fattuale degli spiriti non dipende dalle eventuali differenze di sensazione, riconosciute da Helvétius del tutto irrilevanti (al contrario di La Mettrie); essa dipende piuttosto dall’alterazione della percezione (virtualmente giusta) dei rapporti tra le cose. Questa alterazione, così come non

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

felicità
filosofia
helvétius
la mettrie
materialismo
organisation
piacere
sensibilità
sensismo
spirito

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi