Skip to content

La disciplina internazionale del commercio dei prodotti agricoli: l'Organizzazione mondiale del commercio e la Comunità europea

Informazioni tesi

  Autore: Luca De Carli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Internazionali e Diplomatiche
  Relatore: Giuseppe Porro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 548

Nel contesto della re-internazionalizzazione delle economie che ha seguito la seconda guerra mondiale, il commercio dei prodotti agricoli è stato caratterizzato da un insieme di regole e di pratiche diverse da quelle relative al commercio dei manufatti. Questo lavoro si pone come primo obiettivo quello di ricostruire la regolamentazione degli scambi agricoli e di illustrare le prime esperienze di liberalizzazione in questo settore. L’idea di fondo è che, mettendo in luce le motivazioni alla base della «specificità agricola», si può giungere ad una maggiore comprensione anche degli altri settori del commercio internazionale, manufatti e servizi, e mettere in luce tutta una serie di «collegamenti interni» al complesso fenomeno cui ci si riferisce genericamente con l’espressione «globalizzazione».
La prospettiva adottata è duplice: da un lato si analizza la disciplina posta in essere a livello multilaterale, dall’altro si mostra come le regole internazionali influenzino e siano influenzate dalle politiche agricole nazionali, con particolare attenzione per la Politica Agricola Comune della Comunità europea. Il periodo storico affrontato copre poco più di cinquant’anni: dalla firma del General Agreement (1947) alla Conferenza ministeriale di Cancún (settembre 2003); dai primi progetti di «pool vert» (1950) alla «Mid-Term Review» della PAC nel settembre 2003 e ai recenti sviluppi sulle biotecnologie del febbraio 2004.
L’impostazione di fondo è ovviamente giuridica; tuttavia, dati i legami intrinseci tra diritto ed economia nel settore del commercio internazionale, si è fatto uso di concetti e strumenti propri della politica economica e della statistica economica per descrivere al meglio i dati di partenza e le conseguenze economiche dell’intervento normativo. Nel ricostruire la disciplina giuridica degli scambi agricoli si è sempre cercato di andare al di là della mera descrizione degli strumenti normativi, mettendo in grande evidenza gli sviluppi interpretativi a livello giurisprudenziale ed illustrando anche le questioni di ordine più amministrativo sorte nell’attuazione degli accordi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
ii Premessa Le origini del commercio dei prodotti agricoli si perdono nella notte dei tempi, quando le tribù di coltivatori sedentari cominciarono a barattare i propri beni con gli animali delle tribù di pastori nomadi. I Fenici, i Greci e i Romani costruirono i propri imperi commerciali e politici sui traffici «internazionali» dei prodotti dell’agricoltura, alcuni dei quali avevano subito una prima trasformazione (si pensi all’olio, al vino, alla porpora) 1 . Più di settecento anni fa, Marco Polo attraversava a piedi il continente euro- asiatico per comprare le spezie ed il tè dell’estremo oriente, seguendo la via della seta, aperta dal monaco Giovanni da Pian del Carpini un secolo prima. La stessa scoperta dell’America, celebrata come il simbolo della rinascita della civiltà europea e l’inizio di una nuova era, trae le proprie origini dal commercio delle spezie: Cristoforo Colombo cercava una via più breve per raggiungere le Indie, al di là delle Colonne d’Ercole. Con la rinascita del commercio internazionale del sedicesimo secolo, la creazione di potenti compagnie commerciali, il miglioramento dei mezzi di trasporto e l’apertura di nuove rotte, il mondo conosce una sempre maggiore integrazione dei mercati dei prodotti agricoli: mentre i nobili d’Europa acquistano sempre più tè, cacao e caffè, le patate ed il mais si diffondono nel Vecchio Continente. Non solo aumentano le quantità dei beni scambiati, ma, più significativamente, la circolazione planetaria dell’argento porta a fenomeni di convergenza dell’andamento dei prezzi e di «sincronizzazione del ciclo economico» ante litteram, anticipando così di quattro secoli il tanto citato «villaggio globale». La fondazione della città di Manila, nel 1571, viene spesso descritta come l’«atto di nascita» del commercio internazionale: le Filippine diventano il centro di tutti i commerci mondiali, collegando direttamente l’Europa, l’Asia, l’Africa e l’America 2 . Sul commercio internazionale dei prodotti di base (inclusi, quindi, anche i minerali), si creano grandi imperi commerciali (si pensi alle grandi compagnie commerciali olandesi), sulla cui base vengono fondati gli imperi coloniali. L’intero mondo è legato da una fitta rete di commerci, di cui i prodotti agricoli costituiscono una parte importante. L’avvento della rivoluzione industriale non modifica questa situazione, al contrario stimola il commercio dei prodotti agricoli in cambio di manufatti. L’allocazione delle risorse a livello internazionale sembra seguire la regola del vantaggio comparato descritta pochi anni prima da Ricardo, facendo riferimento proprio allo scambio della tela contro il vino Porto: a cavallo tra il XIX e il XX secolo l’Inghilterra è il più grande importatore netto di prodotti agricoli, compensati a 1 Per uno studio del commercio negli imperi meno conosciuti, cfr. il testo classico di K. Polanyi (a cura di), Traffici e mercati negli antichi imperi. Le economie nella storia e nella teoria (1957), Einaudi, Torino 1978. 2 Cfr. R. Findlay, K. H. O’Rourke, Commodity Market Integration, 1500-2000, Trinity College Public Economic Papers, Dublin 2001, pp. 3-16. Cfr. anche le tabelle in allegato, relative alla composizione del commercio internazionale, l’andamento dei prezzi e le ragioni di scambio.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

accordo sull'agricoltura
agreement on agriculture
agricoltura
commercio internazionale
common agricultural policy
comunità europea
organizzazione mondiale del commercio
politica agricola
trade
world trade organization

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi