Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La categoria dei quadri intermedi

La legge 13 maggio 1985, n.190, Riconoscimento giuridico dei quadri intermedi rappresenta il punto d’arrivo di anni di rivendicazioni portate avanti da quei lavoratori che aspiravano, attraverso l’elevazione del loro gruppo socio professionale al rango di categoria legale, all’ottenimento di una posizione giuridica e di una visibilità equiparabili a quelle delle altre categorie di prestatori di lavoro subordinato elencate all’art. 2095 e. 10. Attraverso la presente opera si è cercato di illustrare alcuni aspetti relativi a questo settore di lavoratori. Dopo aver inizialmente dato un profilo dell’istituto della categoria dei lavoratori sia dottrinale che giurisprudenziale, si ripercorre a grandi linee l'evoluzione del fenomeno sociale dei quadri: è soprattutto dagli anni settanta che, in coincidenza con le grandi trasformazioni indotte dalla rivoluzione tecnologica, è esplosa la questione quadri la cui rilevanza è stata ben simboleggiata dalla famosa "marcia dei quarantamila" della FIAT nel 1980. Si ricorda l'evoluzione del dibattito in Italia attraverso l’illustrazione delle posizioni assunte dai partiti politici per mezzo delle loro proposte di legge; di alcune di queste viene sinteticamente ricordato il contenuto per il periodo 1980-11965. Viene inoltre ricordato il parere espresso dal CNEL e le reazioni che ha suscitato in dottrina senza dimenticare le prese di posizione di quegli importanti soggetti sociali rappresentati dai sindacati confederali e dalle associazioni imprenditoriali. Si affronta quindi la situazione del movimento dei quadri all’estero, con particolare riferimento ai principali Paesi europei ed approfondendo soprattutto il fenomeno quadri in Francia considerato non solo nella sua attuale connotazione ma anche ricordandone l’evoluzione storica: infatti il Paese d’Oltralpe ha visto il sorgere di questo gruppo professionale sin dai lontani anni trenta. Viene inoltre ricordata anche l’esperienza dei quadri in alcuni importanti Paesi extraeuropei e si sottolinea come essi abbiano trovato spazio anche in nazioni molto diverse dal nostro modello occidentale di economia di mercato.
Si passa poi ad analizzare la l. n.190/1985 che ha offerto diversi spunti di riflessione sia dal punto di vista formale che da quello sostanziale. Si considera anche l’atteggiamento di alcuni autori prima del varo della legge: la maggior parte di essi palesò, in linea di massima, una certa perplessità rispetto all’ipotesi dell’introduzione di una nuova categoria legale. Infine ripercorriamo a grandi linee alcune situazioni che hanno riguardato il movimento dei quadri nell’ultimo ventennio seguendo il doppio binario della contrattazione collettiva, prima e dopo l’approvazione della legge, e quello della giurisprudenza da cui traspare la difficoltà che le organizzazioni di questi lavoratori hanno dovuto affrontare con alterne vicende.

Mostra/Nascondi contenuto.
I INTRODUZIONE La legge 13 maggio 1985, n.190, Riconoscimento giuridico dei quadri intermedi rappresenta il punto d’arrivo di anni di ri- vendicazioni portate avanti da quei lavoratori che aspiravano, attraverso l’elevazione del loro gruppo socio professionale al rango di categoria legale, all’ottenimento di una posizione giuridica e di una visibilità equiparabili a quelle delle altre categorie di prestatori di lavoro subordinato elencate all’art. 2095 e. 10. La suddetta legge è stata oggetto anche di un vivace dibattito che ha coinvolto autorevoli esponenti della dottrina giuslavorista sia nel periodo precedente la sua emanazione che in quello successivo, periodo questo in cui gli interventi sono stati indubbiamente numerosi e caratterizzati da una diversità di posizioni in riferimento alle principali problematiche sollevate dalla legge in questione; va inoltre ricordato come anche la giurisprudenza sia risultata. attraverso un numero di pronunzie non indifferente, particolarmente attiva e ciò rappresenta una testimonianza di come la questione quadri fosse molto sentita nell’esperienza pratica riferibile al mondo del lavoro. Attraverso la presente opera si è cercato di illustrare alcuni aspetti relativi a questo settore di lavoratori sintetizzando quanto segue:

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Iacopo Sanguineti Contatta »

Composta da 172 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3555 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.