Skip to content

La categoria dei quadri intermedi

Informazioni tesi

  Autore: Iacopo Sanguineti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Claraenrica Lucifredi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 172

La legge 13 maggio 1985, n.190, Riconoscimento giuridico dei quadri intermedi rappresenta il punto d’arrivo di anni di rivendicazioni portate avanti da quei lavoratori che aspiravano, attraverso l’elevazione del loro gruppo socio professionale al rango di categoria legale, all’ottenimento di una posizione giuridica e di una visibilità equiparabili a quelle delle altre categorie di prestatori di lavoro subordinato elencate all’art. 2095 e. 10. Attraverso la presente opera si è cercato di illustrare alcuni aspetti relativi a questo settore di lavoratori. Dopo aver inizialmente dato un profilo dell’istituto della categoria dei lavoratori sia dottrinale che giurisprudenziale, si ripercorre a grandi linee l'evoluzione del fenomeno sociale dei quadri: è soprattutto dagli anni settanta che, in coincidenza con le grandi trasformazioni indotte dalla rivoluzione tecnologica, è esplosa la questione quadri la cui rilevanza è stata ben simboleggiata dalla famosa "marcia dei quarantamila" della FIAT nel 1980. Si ricorda l'evoluzione del dibattito in Italia attraverso l’illustrazione delle posizioni assunte dai partiti politici per mezzo delle loro proposte di legge; di alcune di queste viene sinteticamente ricordato il contenuto per il periodo 1980-11965. Viene inoltre ricordato il parere espresso dal CNEL e le reazioni che ha suscitato in dottrina senza dimenticare le prese di posizione di quegli importanti soggetti sociali rappresentati dai sindacati confederali e dalle associazioni imprenditoriali. Si affronta quindi la situazione del movimento dei quadri all’estero, con particolare riferimento ai principali Paesi europei ed approfondendo soprattutto il fenomeno quadri in Francia considerato non solo nella sua attuale connotazione ma anche ricordandone l’evoluzione storica: infatti il Paese d’Oltralpe ha visto il sorgere di questo gruppo professionale sin dai lontani anni trenta. Viene inoltre ricordata anche l’esperienza dei quadri in alcuni importanti Paesi extraeuropei e si sottolinea come essi abbiano trovato spazio anche in nazioni molto diverse dal nostro modello occidentale di economia di mercato.
Si passa poi ad analizzare la l. n.190/1985 che ha offerto diversi spunti di riflessione sia dal punto di vista formale che da quello sostanziale. Si considera anche l’atteggiamento di alcuni autori prima del varo della legge: la maggior parte di essi palesò, in linea di massima, una certa perplessità rispetto all’ipotesi dell’introduzione di una nuova categoria legale. Infine ripercorriamo a grandi linee alcune situazioni che hanno riguardato il movimento dei quadri nell’ultimo ventennio seguendo il doppio binario della contrattazione collettiva, prima e dopo l’approvazione della legge, e quello della giurisprudenza da cui traspare la difficoltà che le organizzazioni di questi lavoratori hanno dovuto affrontare con alterne vicende.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
I INTRODUZIONE La legge 13 maggio 1985, n.190, Riconoscimento giuridico dei quadri intermedi rappresenta il punto d’arrivo di anni di ri- vendicazioni portate avanti da quei lavoratori che aspiravano, attraverso l’elevazione del loro gruppo socio professionale al rango di categoria legale, all’ottenimento di una posizione giuridica e di una visibilità equiparabili a quelle delle altre categorie di prestatori di lavoro subordinato elencate all’art. 2095 e. 10. La suddetta legge è stata oggetto anche di un vivace dibattito che ha coinvolto autorevoli esponenti della dottrina giuslavorista sia nel periodo precedente la sua emanazione che in quello successivo, periodo questo in cui gli interventi sono stati indubbiamente numerosi e caratterizzati da una diversità di posizioni in riferimento alle principali problematiche sollevate dalla legge in questione; va inoltre ricordato come anche la giurisprudenza sia risultata. attraverso un numero di pronunzie non indifferente, particolarmente attiva e ciò rappresenta una testimonianza di come la questione quadri fosse molto sentita nell’esperienza pratica riferibile al mondo del lavoro. Attraverso la presente opera si è cercato di illustrare alcuni aspetti relativi a questo settore di lavoratori sintetizzando quanto segue:

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi