Skip to content

Gli attuali indirizzi di politica penale in Arabia Saudita

Informazioni tesi

  Autore: Enrico Scocchetti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Sociologia
  Relatore: Romano Bettini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 204

La tesi intende analizzare gli sviluppi nel campo giuridico penale degli ultimi anni nella penisola araba. Partendo da una breve prospettiva storica affronta il diritto giuridico-religioso islamico che vede la sua massima espressione nel territorio; successivamente le correnti primarie dell’interpretazione saudita discendenti dal Wahhabbismo e prima ancora dallo Hanbalismo rappresentate oggi dagli Ulama.
Nel capitolo riguardante il sistema giuridico politico viene descritta la realtà giurisdizionale del paese, le sue connessioni con sistemi repressivi tesi ad affermare il potere totalitarista della famiglia Reale e gli ultimi sviluppi in campo di riforme che hanno portato al nuovo codice di procedura penale.
Nel capitolo successivo viene affrontato il sistema penale vero e proprio suddiviso in pene giudiziarie ed extra giudiziarie, queste ultime facenti comunque ufficiosamente parte di direttive governative, nella prospettiva realistica data da ex detenuti, corrispondenza e testimonianze sugli accadimenti.
Nell'ultimo capitolo ho voluto presentare interviste e documenti a descrizione della visione saudita istituzionale dei diritti umani per affrontare l’ottica culturale alla base del tema; ho ripercorso poi i collegamenti tra l'Arabia Saudita, le denunce delle ONG per i diritti umani e i cambiamenti che queste hanno effettivamente portato nel paese, il monitoraggio ed i contatti con la “Commissione Contro la Tortura” ONU dalla sottoscrizione dello statuto fino ad oggi, e l’attuale caso della National Human Right Association, organizzazione ( teoricamente ) non governativa che è stata istituita per tutelare i diritti umani nel territorio ma che si è rivelata in realtà manovrata dal regime.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 Introduzione Analizzare gli attuali indirizzi di politica penale in Arabia Saudita significa voler avvicinare una cultura, una religione, uno stato, una società non a tutti conosciuta per le sue vere identità. L’Arabia Saudita è venuta alla ribalta nei nostri media più che mai dopo l’11 settembre 2001, dopo la scoperta della nazionalità degli attentatori che per 15/19 erano di origine saudita. D’un colpo l’opinione pubblica si è trovata a dover capire perché il primo tra gli stati produttori di petrolio, strettamente alleato delle forze occidentali ed in primis degli Stati Uniti, potesse aver generato il più grande attacco terroristico della storia. Come poteva un paese tra i più ricchi del mondo, economicamente connesso e annesso all’occidente da più di sessanta anni, covare tale serpe in seno? L’interrogativo è talmente legittimo da svelare che la realtà dell’Arabia Saudita non è affatto semplice da decifrare. Oltre alcuni dei 7000 prìncipi multimilionari che conosciamo per le loro apparizioni diplomatiche, esiste una realtà che non ha affatto dimenticato i precetti musulmani che guidano l’Arabia Saudita, e che rivendica la propria identità ribellandosi ad ogni sincretismo cultural- politico occidentale. Per i sauditi, quelli sunniti, wahhabbiti, integralisti, ma non al potere, incrinare i dettami dell’Islam, ad esempio ospitando delle basi americane sul territorio sacro, è stata un’offesa non tollerabile. Quando poi uno di loro, Bin Laden, ha pensato di dire basta, a questa sottile ma progressiva invasione su tutti i fronti, macchinando il più ridondante e fragoroso degli attentati, molti musulmani hanno applaudito. Molti altri no, questo va detto. Per i reggenti dell’Arabia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi